02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
EXPORT ENOICO

Analisi Oemv per Oiv: nel 2018 crescono valori e prezzi medi del vino esportato, bene l’Italia

Nei dati dell’Osservatorio Spagnolo del Mercato del Vino il quadro e l’andamento del commercio enoico mondiale
2018, COMMERCIO, DATI, EXPORT, OEMV, OIV, VINI, Mondo
Il mercato mondiale del vino nel 2018

La produzione enoica mondiale, tra il 2017 ed il 2018, ha perso 26 milioni di ettolitri, attestandosi a 247 milioni di ettolitri, tanto che, come ricorda l’analisi sul commercio del vino nel 2018 firmata dall’Oemv - Osservatorio Spagnolo del Mercato del Vino per l’Oiv - Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino, la differenza tra produzione e consumo non è mai stata così sottile, a quota +3,5 milioni di ettolitri. Nel 2018, così, le esportazioni sono calate in volume del -3,2% (10,4 miliardi di litri), crescendo però in valore del +1,7% (31,59 miliardi di euro), con il prezzo medio che ha guadagnato il 5% (3,04 euro al litro). A pagare maggiormente il calo dei volumi esportati, legato inevitabilmente al crollo produttivo del 2017, Spagna (-8,2%), Italia (-7,8%) e Cile (-10,4%), mentre sono cresciute le spedizioni da Argentina (+8,3%), Sudafrica (+4,8%) ed Australia (+4,7%). Diverso l’andamento a valore, che conferma essenzialmente il trend degli ultimi anni: continuano a crescere Francia (+3,2%), Italia (+3,8%) e Spagna (+2,8%), così come Portogallo (+4%) e Sudafrica (+4,7%), ma a sorprendere maggiormente è il boom del vino della Gran Bretagna, il cui export è cresciuto a valore nel 2018 del +9,6%. In termini assoluti, la Francia punta i 10 miliardi di euro, sempre più vicini, l’Italia arriva a 6,2 miliardi di euro, la Spagna arriva a 3 miliardi di euro, Cile ed Australia sono vicinissime, intorno a 1,7 miliardi di euro, e Germania e Nuova Zelanda sul miliardo di euro.
Analizzando l’andamento del prezzo medio, dai dati dell’Osservatorio Spagnolo del Mercato del Vino, emerge l’ulteriore crescita della Francia, a 6,59 euro al litro (+8,3%), dell’Italia, a 3,12 euro al litro (+12,5%) e della Spagna, a 1,39 euro al litro (+12%), mentre l’Argentina perde il 14,1% e la Nuova Zelanda, comunque al secondo posto a 3,93 euro al litro, lascia sul terreno il 6,7%. In termini di tipologie, a tirare le spedizioni sono le bollicine, che crescono in valore del 6,1%, a 6,2 miliardi di euro, mentre l’imbottigliato fermo si conferma a 21,9 miliardi di euro, cedendo appena lo 0,1%, con lo sfuso che arriva a 2,6 miliardi di euro, in crescita del 6,1%, ed il bag in box a 624 milioni di euro (+15,5%). Interessante il cambio di peso specifico delle diverse categorie, con le bollicine che nel 2000 rappresentavano il 5,2% delle esportazioni, ed oggi l’8,6%, mentre la quota dell’imbottigliato fermo passa dal 60,1% al 53,6%. Ma chi sono invece i maggiori importatori? In testa, in termini di valori, gli Stati Uniti, a 5,25 miliardi di euro (+0,2%), seguiti da Gran Bretagna, a 3,57 miliardi di euro (-1,7%) e Germania, a 2,65 miliardi di euro (+4,7%). Subito dietro Cina (2,47 miliardi di euro, +0,1%) e Canada (1,69 miliardi di euro, +1,3%), mentre cresce in maniera imponente la Francia (+16%). A volume, la classifica cambia: prima è la Germania (14,8 milioni di ettolitri, -2%), quindi Gran Bretagna (13,03 milioni di ettolitri, -4,2%) e Stati Uniti (11,64 milioni di ettolitri (-3,7%).

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli