02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ANSA

Orti urbani a Lampedusa per ringraziare accoglienza migranti

WineNews, iniziativa Terra! e Legambiente ... Un orto a Lampedusa, anzi più di uno:

anche l’isola, “porta d’Europa” e porta di speranza per i

migranti, riferisce il sito WineNews, avrà i suoi primi orti

urbani, simbolo di integrazione e contro l’isolamento, non solo

geografico. Il 20 settembre, alla vigilia della Giornata

internazionale dell’agricoltura sociale e del microcredito,

Terra! Onlus ed il Circolo Legambiente Lampedusa “Esther Ada”,

con il patrocinio del Comune di Lampedusa e Linosa, per

ringraziare l’isola, sostenere le sue risorse naturali, renderla

più verde, aggregare e coinvolgere tutti i cittadini,

procederanno all’assegnazione delle prime particelle di terreno

ai lampedusani, frutto del progetto “Porto l’orto a Lampedusa”.

Grazie al progetto “Porto l’orto a Lampedusa” i primi orti

urbani verranno assegnati ai lampedusani che ne hanno fatto

richiesta nei mesi scorsi, e una delle particelle sarà

interamente gestita dagli ospiti con disabilità psichiche del

Centro diurno dell’isola che diventeranno portatori di “buone

pratiche” ecosostenibili nella comunità locale. Ai nuovi ortisti

verrà affidato un “kit” composto da innaffiatoio, semi,

regolamento di gestione degli orti e dalla chiave di accesso al

terreno.

Nato nel 2014, il progetto - con l’Università di Palermo e con

il sostegno della Fondazione Allianz Umanamente - si propone di

realizzare orti comunitari in agricoltura naturale a Lampedusa,

valorizzando le risorse dell’isola, e di superare l’isolamento,

non solo geografico, che l’isola da sempre vive dandole un

riconoscimento e sostenendo i suoi abitanti.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Pubblicato su

Altri articoli