02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ANSA

Vino: in Piemonte la cantina ideale dei winelover, poi Toscana ... Sondaggio Winenews, Nebbiolo il vitigno preferito... Territorio della cui storia, fascino ed appeal non si discute, nell’immaginario collettivo dei wine lovers la cantina “ideale” si trova in Piemonte, seguito, tra i luoghi simbolo dell’Italia del vino, dalla Toscana, meta imprescindibile per ogni appassionato, tra il fascino di Bolgheri, lo storico territorio del Chianti e la celebrità di Montalcino, patria del Brunello, e dal Veneto, la Regione dei primati del vino italiano, tra la Valpolicella dell’Amarone, i paesaggi vitati del Soave e le colline del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene. E non è un vino, ma un vitigno quello a cui non potrebbero mai rinunciare: il Nebbiolo, da cui nascono, in primis, i grandi rossi delle Langhe, Barolo e Barbaresco. Ecco i "pilastri" su cui si fonda la passione per il Belpaese enoico, secondo un sondaggio di www.winenews.it, tra 1.031 “enonauti”. Che confessano una curiosità: se un giorno dovessero cercare lavoro in cantina, il sogno è di essere assunti da Marchesi Antinori, da Gaja o Masi Agricola, tre marchi simbolo del made in Italy enoico, indicati dai wine lovers rispettivamente per storia, per l’"alta sartorialità" della produzione e per la solidità e la remuneratività di un’azienda quotata in borsa. Ma c’è anche chi indica realtà di piccole o medie dimensioni, a conduzione familiare e particolarmente attente all’agricoltura biologica, e vere e proprie esperienze che uniscono il vino al sociale (come, ad esempio, le cantine di Libera Terra). Un riconoscimento, infine, da parte degli “enonauti”, anche al valore delle realtà cooperative, a partire da quelle dell’Alto Adige, per la loro rigorosa organizzazione, efficienza e per la capacità di coniugare quantità e qualità.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli