02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

ANSA

Vino: esperto, corsa a acquisto vigne, ma troppe imprese ... Mai come negli ultimi mesi, in Italia, l’’attività di compravendita di vigneti e cantine, è stata così frenetica: “C’è una riclassificazione degli spazi e della geografia dell’’offerta dei territori vocati italiani - commenta a WineNews Lorenzo Tersi, esperto di merger & acquisition - sappiamo che i distretti più nobili, quelli più noti alle platee di investitori anche internazionali, come l’area del Brunello di Montalcino, le Langhe e l’area dell’Amarone della Valpolicella, per citare le prime tre, sono quelle che calamitano più investimenti internazionali. Ma ci sono tanti territori che si stanno muovendo e che, anche forti del successo sul mercato dei loro vini, stanno attirando attenzioni nuove: l’area del Lugana, come testimonia l’’ultimo investimento di un gruppo strutturato e vocato all’internazionalizzazione come Santa Margherita, che ha investito anche in Sardegna, come di recente ha fatto il gruppo Terra Moretti”. “Come Italia costiamo molto in alcune aree che hanno fissato certe condizioni di prezzo, ma nello stesso tempo costiamo ancora meno di una certa Francia, per esempio”. Secondo l’esperto “62-63.000 imprese nel settore sono troppe in questo Paese, troppo frammentazione, dobbiamo creare sinergie. Pensiamo anche che ci sono solo 2 aziende del vino italiano quotate in borsa, Italian Wine Brand e Masi, ma nei prossimi 2-3 anni vedremo una crescita anche in questo senso”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli