02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA CURIOSITÀ

Brunello di Montalcino, il vino italiano più conosciuto dagli italiani. A dirlo Wine Intelligence

Indagine per “Benvenuto Brunello” 2021. Il consumatore tipo è donna, tra i 35 ed i 54 anni, e con un reddito medio oltre il 50.000 euro
BENVENUTO BRUNELLO, BRUNELLO DI MONTALCINO, ITALIANI, vino, WINE INTELLIGENCE, Italia
Brunello di Montalcino, il vino italiano più conosciuto dagli italiani. A dirlo Wine Intelligence

É una delle produzioni enoiche più “piccole” d’Italia, visto che rappresenta una goccia, lo 0,2% del totale, ma al tempo stesso, vino tra i più ammirati del mondo, è anche tra i più conosciuto dai consumatori italiani, con una notorietà al 67% e davanti a corazzate come il Prosecco, il Chianti e il Chianti Classico e il Montepulciano d’Abruzzo. Emerge dall’indagine dell’agenzia britannica Wine Intelligence, per “Benvenuto Brunello” 2021, edizione n. 30 dell’anteprima, di scena, anche oggi, a Montalcino (fino al 29 novembre).
“L’indagine - ha detto il presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino, Fabrizio Bindocci - restituisce un risultato per nulla scontato, se si considera che il nostro vino rappresenta meno dello 0,2% della produzione annuale nazionale ed è la denominazione che esprime meno volumi tra le top 20 in classifica. Il risultato è un riconoscimento della qualità e della forza di un marchio collettivo che sino a oggi credevamo più forte all’estero che in Italia”.
Secondo l’analisi di Wine Intelligence, il consumatore tipo di Brunello (il Brunello di Montalcino Docg ha una produzione media annua di 9 milioni di bottiglie; di queste, il 70% sono destinate all’estero, ndr) è principalmente donna, del Centro Italia, di età compresa tra i 35 e i 54 anni, con un reddito medio che supera i 50.000 euro, con una buona propensione all’acquisto online e appassionato di vino. In rapporto alla conoscenza, il tasso di conversione all’acquisto è del 15%. Relativamente al grado di notorietà (67%), il Brunello vince sui competitor sia tra i maschi (68%) che tra le femmine (66%) e risulta in testa già tra i consumatori da 35-54 anni (65%), mentre domina dai 55 anni in su (73%). La geografia della conoscenza premia il Centro Italia (70%) e il Nord (69%), dove però è superato dal Prosecco (71%).

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli