02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
EMERGENZA CLIMA

Caldo estremo ed agricoltura in crisi, allarme di Coldiretti: in 10 anni persi 14 miliardi di euro

Torna il caldo in Italia, gli agricoltori sono costretti a ricorrere all’irrigazione di soccorso, con la preoccupazione delle grandinate violente
AGRICOLTURA, CLIMA, Coldiretti, DANNI, Non Solo Vino
Caldo estremo ed agricoltura in crisi, Coldiretti: in 10 anni persi 14 miliardi di euro

Il caldo estremo non è passato. Dopo una settimana di pausa, riprendono le temperature superiori ai 35 gradi con conseguente emergenza per quanto riguarda gli agricoltori che saranno costretti a ricorrere all’irrigazione di soccorso per salvare le coltivazioni in sofferenza per le alte temperature, dagli ortaggi al mais, dalla soia al pomodoro, come dichiara Coldiretti
Con le temperature superiori ai 35 gradi anche le piante sono a rischio colpi di calore e stress idrico che compromettono la crescita dei frutti negli alberi, bruciano gli ortaggi e danneggiano i cereali. Sempre per Coldiretti, l’ondata di calore in arrivo è la punta dell’iceberg delle anomalie estive con la prima metà di luglio 2019 segnata dal maltempo con 10 grandinate al giorno dopo un giugno che si è classificato al secondo posto dei più bollenti dal 1800 con una temperatura superiore di 3,3 gradi rispetto alla media, un maggio freddo e bagnato e i primi mesi dell’anno particolarmente siccitosi. Si registra nel 2019 una evidente tendenza alla tropicalizzazione che, sottolinea l’organizzazione agricola, si manifesta con una più elevata frequenza di eventi violenti, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense e il rapido passaggio dal maltempo al caldo.
Il ripetersi di eventi estremi, conclude la Coldiretti, sono costati all’agricoltura italiana oltre 14 miliardi di euro in un decennio tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli