02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
FOOD LIBRARY

Collezionisti di menu originali? “Menu Design in America”, è un vero e proprio volume-bibbia

Edito da Taschen e curato da Jim Heimann, Steven Heller e John Mariani, raccoglie un secolo di carte di ristoranti, specchio di epoche e gusti diversi

Specchio di epoche e di gusti diversi, e, soprattutto, capaci di raccontare, con una grafica ispirata alle più importanti correnti artistiche e culturali che si sono succedute, l’evoluzione di uno dei piaceri universalmente più amati: mangiare al ristorante, da quello di lusso al fast food. È lo spirito dei menu, intramontabili carte cui i ristoranti affidano la descrizione dei loro piatti, potenti strumenti di marketing nel primo impatto con i clienti, da sempre accattivanti e ammalianti. A raccoglierli centinaia e centinaia di esemplari a cavallo tra Ottocento e Novecento, è “Menu Design in America”, vero e proprio volume-bibbia, ora riedito da Taschen (la prima edizione risale al 2011; Taschen editore, settembre 2018, 592 pagine, prezzo di copertina 15 euro), con menu liberty e art decò, fluo anni Ottanta e ispirati alle avanguardie del secolo scorso, dei ristoranti degli Stati Uniti, curato da Jim Heimann, storico, antropologo, collezionista e responsabile editoriale di Taschen America, e con saggi di due esperti come Steven Heller per la grafica e del giornalista enogastronomico John Mariani.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli