02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Comodità e solidarietà: da oggi al 31 marzo ordinando cibo a domicilio su Foodora si potrà donare 1 euro alla Fondazione Progetto Arca onlus, che procurerà con le donazioni un pasto caldo a persone in difficoltà e svantaggiate e ai senza tetto

Oltre alla comodità la solidarietà. Foodora, il servizio on-demand di food delivery, permette fino al 31 marzo a chi ordina cibo a domicilio di donare 1 euro alla Fondazione Progetto Arca onlus, impegnata ad offrire aiuto ai bisogni socio-sanitari delle persone in stato di grave indigenza ed emarginazione (www.progettoarca.org). Le donazioni tramite www.foodora.it procureranno un pasto caldo a centinaia di persone in difficoltà e ai senza tetto: un gesto semplice che ha però un grande significato sociale.
La Fondazione Progetto Arca onlus è impegnata da 24 anni nell’aiuto concreto di persone meno fortunate, offrendo pasti e posti letto, oltre a sostegno psicologico e sociale. La partnership con Foodora, che vanta oltre 9.000 ristoranti in 65 città di 10 Paesi, è motivo di orgoglio per l’associazione, come sottolinea il Presidente di Fondazione Progetto Arca onlus Alberto Sinigallia: “siamo particolarmente grati a foodora e a tutti coloro che sceglieranno di essere al nostro fianco nella lotta all’emarginazione. Donare un pasto a chi è in difficoltà, infatti, è - continua Sinigallia - più di un sostegno materiale, è un gesto di inclusione che aiuta a superare il senso di solitudine e di rassegnazione nell’individuo”.
“Quando diciamo che il nostro obiettivo è portare i migliori piatti della città nella vita di tutti i giorni - afferma Matteo Lentini, General Manager di Foodora Italia - non parliamo solo di piatti di qualità ma anche di piatti che possono far stare meglio gli altri. E per questo motivo abbiamo deciso di supportare Progetto Arca in questa importante iniziativa, coinvolgendo anche i nostri clienti, che potranno donare direttamente da casa”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli