02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA CURIOSITÀ

Con gli amici si va più spesso al ristorante, meglio se con il Green Pass. Lo dice TheFork

L’indagine per capire come sia cambiata la convivialità con la pandemia, in vista della Giornata Internazionale dell’Amicizia (30 luglio)
AMICI, GIORNATA INTERNAZIONALE DELL'AMICIZIA, RISTORANTE, THE FORK, Non Solo Vino
Amici al ristorante (PH: Priscilla Du Preez via Unsplash)

“Ci vorrebbe un amico”, cantava Antonello Venditti. Al ristorante ancora meglio! Nella Giornata Internazionale dell’Amicizia, proclamata il 30 luglio dall’Onu nel 2011, TheFork piattaforma leader per la prenotazione online dei ristoranti, ha effettuato un sondaggio presso i suoi utenti per capire come il binomio amici-ristorante sia cambiato a seguito dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo . Nei mesi di lockdown, gli amici hanno avuto un ruolo fondamentale per più della metà dei rispondenti (56%), nonostante le occasioni per vedersi scarseggiassero. Ma ora che la maggior parte delle attività ha riaperto, come sono cambiati i consumi fuori casa delle compagnie di amici?
La distanza forzata dell’emergenza sanitaria, ha aumentato la voglia di sedersi intorno a un tavolo in compagnia: il 57% degli intervistati dichiara di andare al ristorante con gli amici più spesso ora di quanto non facesse prima di marzo 2020, contro un 33% che invece va meno e un 9% la cui frequenza è rimasta invariata. 2 su 5 rispondenti (40%) vanno al ristorante con gli amici almeno una volta a settimana, quasi 3 su 10 (26%) da una a tre volte al mese e solo 1 su 5 (20%) una volta al mese. Se si parla di vacanza tra amici, invece, il ristorante diventa indispensabile. Il 42% afferma che quando parte con gli amici va al ristorante tutti i giorni, il 28% almeno 3 volte a settimana e il 26% almeno una volta a settimana. Al ristorante si va in gruppi di 5-10 amici (44%) o addirittura in più di 10 (44,6%), numeri più ristretti di quelli pre-Covid per il 95% dei rispondenti, a causa del timore legato al virus .
Per la stessa ragione perdura la voglia di mangiare all’aperto: quando si sceglie il ristorante per mangiare con gli amici il 72% preferisce un locale con tavoli all’esterno. C’è però la speranza che in autunno/inverno questa scelta non sia più necessaria, infatti il 40% conta che l’emergenza sanitaria sarà a quel punto migliorata mentre il 21% dichiara che non avrebbe problemi a scegliere un ristorante al chiuso se il Green Pass fosse obbligatorio per entrare. Ed a proposito di Green Pass, il 72% si dichiara favorevole a renderlo una condizione necessaria per andare al ristorante, in quanto si sentirebbe più al sicuro . Quando si tratta di festeggiare tra amici - prendendo in considerazione anche le abitudini precedenti al Covid-19 - il 16% preferisce il ristorante che, nello specifico, è più scelto per festeggiamenti speciali come compleanni o lauree (77%). Osteria e trattoria sono le tipologie di indirizzi preferite da poco più di 2 su 5 intervistati (44%), seguite da pizzeria (33%) e hamburgueria (9%) a pari merito con ristorante gourmet (9%). La cena rimane l’appuntamento preferito per la stragrande maggioranza (92%) mentre per quanto riguarda il giorno della settimana, il 64% preferisce andare al ristorante in un giorno feriale contro il 35% che opta per il weekend. Prenotare il ristorante è diventato quasi indispensabile: il 73% prenota sempre, a prescindere dal numero di coperti, per assicurarsi di avere un tavolo data la disponibilità ridotta causa restrizioni. In termini di scontrino medio a persona, quando si esce a mangiare tra amici la spesa pro capite risulta essere contenuta: la maggior parte dei rispondenti (61%) dichiara infatti di spendere meno di 20 euro a testa, quasi 1 su 4 (24%) fra i 20 euro e i 30 euro e quasi 1 su 10 (9%) tra i 30 euro e i 40 euro.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli