02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA TENDENZA

Consumi: i Millennials di Usa e Uk “tradiscono” la birra, e soprattutto il vino, con gli spirits

Nelle preferenze dei giovani, dall’analisi di “Wine Industry Insight”, crescono liquori ed alcolici, soprattutto a discapito del nettare di Bacco

Se i Millennials sono quelli che guideranno il futuro dei consumi enoici, non c’è di che stare troppo tranquilli. Non solo perché, dicono tutte le ricerche in materia, i giovani consumatori sono poco fedeli ai brand, ma anche alle diverse tipologie di vino, e pur amando conoscere e sperimentare, non sono ancora così affascinati dal mondo di Bacco, ma vedono nel vino una bevanda “social” più che un prodotto culturale. Ma anche perché, a quanto pare, preferiscono sempre di più altri tipi di bevande alcoliche. Almeno, è quello che succede in due mercati fondamentali, oggi, per il vino mondiale ed italiano, Usa e Uk, come evidenziato dal magazine “Wine Industry Insight”. Secondo i dati comparati dal BofA Merrill Lynch Global Research Survey del 2017 e 2018, cresce la preferenza dei giovani per gli spirts, mentre calano birra e vino.

Se nel 2017 i Millennials che sostenevano di preferire liquori ed altri alcolici erano il 36%, nel 2018 la quota arriva al 41%, con la birra scesa dal 40% al 39%, ed il vino, settore più penalizzato da questo cambio di rotta, dal 22% al 18%.

Tuttavia, la birra rimane la bevanda più consumata, con il 49% della quota di mercato degli alcolici tra i giovani, seguita dagli spirits (26%) e dal vino (21%).

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli