02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Corriere della Sera

Coronavirus, il Vinitaly di Verona vuole confermare le date della fiera di aprile … Il mondo del vino scommette sul ritorno alla normalità: nessun rinvio a causa del coronavirus per il Vinitaly di Verona. L’evento che l’anno scorso ha portato nei padiglioni alle porte della città 125 mila visitatori da 145 nazioni inizierà, come previsto il 19 aprile per concludersi il 22. La conferma dovrebbe arrivare alle 16.30 di mercoledì 26 febbraio, al termine della riunione del consiglio di amministrazione di VeroneFiere, con il presidente Maurizio Danese e il direttore generale Giovanni Mantovani. L’appuntamento del settore che può vantare una estensione record (100 mila metri quadrati) inizierà in realtà il 17 aprile, con gli eventi in città, degustazione e spettacoli, che l’anno scorso hanno richiamato 85 mila persone. Il giorno sucessivo andrà in scena al Palazzo della Gran Guardia Opera Wine, l’evento “che offre agli operatori specializzati di tutto il mondo la possibilità di conoscere i 100 migliori vini italiani, secondo la rivista Wine Spectator e in rappresentanza di tutte le regioni”. In fiera ci saranno 4.600 aziende, in rappresentanza di 40 Paesi produttori, con 400 appuntamenti per operatori e appassionati. L’altra grande kermesse, il ProWein di Düsseldorf ha confermato ieri le date previste: dal 15 al 17 marzo. “Non c’è motivo di annullare, posticipare o abbreviare ProWein - ha detto martedì 25 febbraio Erhard Wienkamp, direttore della Messe all’agenzia WineNews - . Naturalmente, prendiamo molto sul serio le preoccupazioni dei nostri clienti, ospiti, partner e vicini riguardo al coronavirus. La loro sicurezza è sempre la nostra massima priorità, ma registriamo comunque un grande appoggio alla ProWein da parte di espositori e visitatori”. All’appuntamento tedesco si sono presentati l’anno scorso 6.500 espositori da 60 nazioni, Italia in testa, con 1.600 espositori. Sono invece state rinviate, senza fissare una data certa, il Genova Wine Festival, programmato per sabato 29 febbraio e domenica 1 marzo e l’evento dedicato ai vini naturali, il Live Wine Milano del 1-2 marzo. A Verona sono in bilico il Salone dedicato alle macchine agricole e da cantiere (SaMoTer), previsto dal 21 al 25 marzo. A Milano è stato rinviato Identità Golose, evento enogastronomico in programma dal 7 al 9 marzo. E’ stata già decisa la nuova data per il Salone del Mobile, che si terrà il 16-21 giugno anzichè il 21-26 aprile a Milano. Mido, fiera internazionale degli occhiali e dell’eyewaer, non si svolgerà a Milano dal 29 febbraio al 2 marzo ma, informa il cda, “in un periodo compreso tra fine maggio e la metà di giugno”. Slitta a giugno anche Mercanteinfiera a Parma. Come Cosmoprof, la fiera della cosmetica, che dal 12-15 marzo si sposta all’11-15 giugno a Bologna. Un settore, quello delle fiere, in ginocchio. In Italia genera affari per 60 miliardi e attrae 20 milioni di visitatori. Un settore che ha bisogno di ripartire al più presto. Per questo quella di Verona può essere una spinta al ritorno alla normalità.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su