02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
MERCATO DEL VINO

Dalla World Bulk Wine Exhibition di Amsterdam i numeri ed i trend del vino sfuso nel mondo

Al centro i dati “Global Market Report” del broker Ciatti: in Italia bene Prosecco, Pinot Grigio, Primitivo
CIATTI, MERCATO, SFUSO, VINO SFUSO, WORLD BULK WINE EXHIBITION, Mondo
Gli sfusi fotografano il momento produttivo ed i rapporti di forza

Dei miliardi di litri di vino che, ogni anno, partono dai Paesi produttori per invadere i mercati vicini e lontani, la fetta del vino sfuso è tutt’altro che marginale, specie se si parla di volumi. E lo sfuso è anche il settore che, più di ogni altro, subisce, nel bene e nel male, l’andamento vendemmiale, a livello globale. Ecco perché al centro della World Bulk Wine Exhibition, che chiude oggi i battenti ad Amsterdam e che ha premiato l’Alleanza delle Cooperative Italiane guidata da Ruenza Santandrea con il “Voice of Wine”, dedicato al riconoscimento “degli sforzi di persone, aziende, istituzioni ed associazioni che si caratterizzano per il supporto al settore del vino in generale, ed a quello dei vini sfusi in particolare”, sono finiti i dati del “Global Market Report” di Ciatti, uno dei principali broker del settore. Che, partendo dai numeri dell’Oiv, ha ricordato come la produzione enoica nel 2019 segni cali importanti nei principali Paesi produttori, dal -15% dell’Italia al -24% della Spagna, passando per il -15% della Francia, che tornano ai livelli del 2017, così come i prezzi, destinati, sul mercato degli sfusi, a crescere rispetto ad un anno fa, seppur di poco. In Italia, ne beneficeranno il Prosecco, il Pinot Grigio ed il Primitivo, anche se la competizione con i vini dell’Argentina, pronta ad una vendemmia record e di alta qualità, preoccupa, così come le dinamiche internazionali, dalla Brexit alla crisi dei dazi Usa, che rischiano di avere ripercussioni importanti sui consumi delle tre piazze più importanti per mercato enoico mondiale, ossia Gran Bretagna, Usa e Cina.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli