02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
EUROMONITOR

Euromonitor: ecco gli otto consumatori tipo a livello globale. Ma non tutti sono “da vino”

Diversi per età, sesso, stipendio ma soprattutto per approccio ai consumi. “Empowered Activist” e “Inspired Adventurer” i più wine oriented
CONSUMATORI, EUROMONITOR, TARGET, vino, Mondo
Il profilo dei consumatori tipo globali di Euromonitor

C’è il tradizionalista, l’attivista convinto, il casalingo, l’avventuriero, il lavoratore imperterrito, il cauto pianificatore, l’ottimista bilanciato e lo spendaccione impulsivo. Sono gli 8 profili del consumatore tipo, comuni in tutto il mondo, disegnati da Euromonitor: tutti diversi, per età media, stipendio, approccio alla vita e, soprattutto, rapporto con lo scaffale. Ma procediamo con ordine, quello che a livello globale è definito come “Secure Traditionalist” rappresenta una fetta del 20% dei consumatori, di cui il 53% uomini, per un’età media di 41 anni: guadagnano in media 34.594 dollari all’anno, non amano fare shopping, non danno grossa importanza ai grandi brand e preferiscono risparmiare. Insomma, un target da conquistare con politiche di prezzo, che poco attraggono il mondo del vino. Quindi ci sono gli “Empowered Activist”, il 17% dei consumatori, per il 55% donne, 40 anni di età media: guadagnano in media 38.842 dollari, sono convinti, con le loro scelte, di poter fare la differenza, hanno a cuore i problemi globali e, di conseguenza, danno molta importanza a ciò che comprano, con l’obiettivo di ridurre l’impatto sull’ambiente di ciò che comprano. È una fetta potenzialmente importante se non fondamentale, specie per i produttori enoici che hanno deciso di sposare filosofie produttive come il biologico o il biodinamico. I “Conservative Homebody”, invece, che rappresentano il 16% dei consumatori, di cui il 52% uomini, per un’età media di 37 anni: guadagnano in media 41.230 dollari, ma sono focalizzati più che altro su ciò che riguarda sé stessi, come famiglia, casa e spiritualità, seguono le mode imposte dagli altri, anche in termini di prodotti agroalimentari, amano fare shopping ma non sono particolarmente materialisti. Gli “Inspired Adventurer” valgono il 13% dei consumatori, per il 52% sono donne, hanno un’età media di 38 anni e guadagnano 36.779 dollari: amano provare cose nuove, hanno sempre grandi sogni e progetti, come viaggiare e vivere all’estero, magari lavorando in proprio, e sono tra i pochi a spendere a volte più di quanto non abbiano. Proprio la curiosità e l’apertura mentale, in un settore complesso e variegato come quello del vino, li rende particolarmente interessanti.
Gli “Undaunted Striver”, pari ad un altro 13% dei consumatori, sono per il 57% uomini, hanno 37 anni ed in media guadagnano 54.618 dollari: sono esperti di tecnologia e consapevoli del valore di ciò che comprano, per questo, con grande interesse per cose sempre nuove, puntano spesso su prodotti di marca e di alto livello. In pratica, il target perfetto per il vino di qualità. Andando avanti, troviamo i “Cautious Planner”, il 9% dei consumatori, per il 54% donne, 45 anni di età ed uno stipendio medio annuo di 37.633 dollari: prestano molta attenzione alla gestione dei propri soldi, raramente fanno acquisti impulsivi, preferiscono comprare in negozio e pagare in contanti. Importante il rapporto qualità/prezzo, che potrebbe premiare, tra i wine lovers, proprio le produzioni italiane. Quindi c’è il “Balanced Optimist”, target di cui fanno parte il 9% dei consumatori globali, al 60% donne di 41 anni di età, con uno stipendio medio di 49.868 dollari (il secondo più alto): preferiscono la qualità alla quantità, danno molta importanza alla propria salute ed al proprio benessere e cercano prodotti di valore, dimostrandosi anche loro particolarmente interessanti per chi produce e vende vino di qualità. Infine, gli “Impulsive Spender”, appena il 5% dei consumatori nel mondo, per il 54% donne, di 38 anni e con uno stipendio medio di 34.420 dollari: come suggerisce il nome, fanno spesso acquisti impulsivi, specie se sentono di trovarsi di fronte ad un’occasione, vivono per il presente ed il piacere immediato più che per il futuro, e non hanno grandi rapporti con la tecnologia. Tra tutte le tipologie di consumatori, la più instabile e difficile da accontentare.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli