02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
DATI

Export, il vino italiano cresce del 5% in valore nel primo trimestre 2020

Analisi Uiv: aumento condizionato da anticipo ritiro di prodotto causa Covid-19 e tariffe Usa. Ma i numeri non garantiscono l’equilibrio del sistema
ANALISI, DATI, EXPORT, ITALIA, PRIMO TRIMESTRE 2020, UIV, vino, Italia
I dati del vino italiano nel primo trimestre 2020

Nel primo trimestre 2020 l’export italiano di vino è cresciuto sia in volume (+6%, a 5,1 milioni di ettolitri), sia in valore (+5%, a 1,5 miliardi di euro). A rivelarlo è un’analisi di Unione Italiana Vini. Una performance in linea generale positiva, ma che deve essere inquadrata in un contesto di forte fibrillazione, caratterizzato da eventi (Covid-19) e circostanze (tariffe americane) che hanno inciso e incideranno in maniera molto forte sulla regolarità delle nostre spedizioni.
Negli Stati Uniti, per esempio, la prospettiva di nuove tariffe sui vini europei ha spinto gli operatori a incrementare fortemente a inizio anno gli acquisti di vini di fascia alta, in particolare vini Dop piemontesi (+8%), toscani (+20%) e veneti (+16%). A fronte di questi movimenti, il saldo generale dell’import americano nel primo trimestre vede un +10% a valore, ma un -3% sui volumi, a dimostrazione del fatto che nel prosieguo del trimestre l’impellenza si è via via sgonfiata.
Il Covid-19 invece ha inciso fortemente sui Paesi che per primi hanno sperimentato l’epidemia: Cina, Corea del Sud e Giappone
, tutti con variazioni negative importanti, come peraltro già successo per altri supplier come Francia, Australia, Cile e Spagna. L’Italia segue questo trend: in Cina -44% sui volumi dei vini fermi e frizzanti confezionati, associato a un -40% sul fronte valori. Dinamica fortemente negativa in Corea del Sud (-19%), ma soprattutto in Giappone, che chiude il primo quarto a -8%, e la cosa è ben più preoccupante visto che Tokyo rientra nella top 10 delle destinazioni italiane.
Il Coronavirus è andato a incidere anche sulle performance del vino sfuso: in marzo 2020 si è registrato un +23% a volume, generato solo e soltanto da un mercato, quello tedesco: quando è scoppiata la pandemia in Italia, gli imbottigliatori tedeschi si sono precipitati a ritirare tutto quello che hanno potuto per non vedersi bloccate le cisterne al Brennero. Nel trimestre, l’import di sfuso segna balzi del 35%, con punte del 40% in valore per i rossi comuni che, a differenza dei bianchi, inchiodati sui listini dello scorso anno, hanno visto un balzo dei prezzi medi del 30%, a 71 centesimi al litro.
Sul segmento florido degli spumanti, le crepe incominciano a essere più che evidenti anche a occhio nudo: la performance volumica di +19% (poco meno di 1 milione di ettolitri) va comparata con il magrissimo +3% lato valore, con prezzi medi in calo del 14%. Se il Prosecco fa +12%, lo deve agli Usa (+17%) e al lavoro fatto sulle piazze secondarie (Francia, Canada, Nord Europa), mentre Londra va indietro del 6%, e questo dovrebbe accelerare le dinamiche in atto di emancipazione parziale da questo mercato. Crescono a dismisura gli spumanti generici, tutti prodotti da smaltire della vendemmia 2018, dirottati soprattutto sul mercato tedesco, che ha visto gli acquisti decuplicare rispetto al marzo del 2019.
Le performance pur positive di inizio anno avranno probabilmente qualche limatura nel prosieguo del 2020. Questo rallentamento preventivabile si innesta su una situazione interna che deve smaltire gli effetti di tre mesi di lockdown, con l’Horeca avviato su una lunga e problematica strada di convalescenza. Oggi il settore sta incominciando a vendere il prodotto della vendemmia 2019: 47,5 milioni di ettolitri, in calo del 13% rispetto all’enormità del 2018, ma in media perfetta sugli ultimi dieci anni. Stiamo quindi parlando di una vendemmia normale, il che spiega la difficoltà della produzione a far passare aumenti generalizzati dei listini: al di là dei casi Germania, lo sfuso viaggia sulle stesse quotazioni del 2019.
Il prodotto da vendere insomma non manca, e lo dicono anche i dati di Cantina Italia: ai primi di giugno il sistema dava 48 milioni di ettolitri, il che vuol dire che, riportando indietro di un mese le dichiarazioni, questa è la situazione di maggio, con in più un rallentamento evidente del fabbisogno medio, sceso da 3,3 milioni di marzo e aprile a 2,7 di maggio, quando si incominciano a vedere gli effetti del lockdown sull’Horeca. Questo non esclude che, andando avanti di questo passo, senza peggioramenti ulteriori, al 31 luglio si possa arrivare a chiudere la campagna con un saldo di 43 milioni di ettolitri, 5 in più del 2019.
I numeri dell’export, registrati a marzo 2020, in sostanza, pur essendo positivi, con questo passo non garantiscono l’equilibrio del nostro sistema. Ma la situazione di ingessatura non riguarda solo l’Italia: anche Spagna, Francia, Cile, Australia vivono bene o male le stesse dinamiche. È lecito attendersi un ingolfamento del mercato, soprattutto quello europeo e nordamericano, con inevitabili ripercussioni sulla dinamica già fragile dei listini.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli