02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Fine anno e tempo di bilanci per la cooperazione enoica, che, da Nord a Sud, marcia in positivo: il gruppo trentino Mezzacorona sfiora i 175 milioni di euro di fatturato record, e la pugliese Cantine Due Palme tocca i 26 milioni

Fine d’anno, tempo di bilanci. E sono bilanci lusinghieri quelli che arrivano da due delle realtà cooperative più importanti dell’Italia enoica: Mezzocorona (2.800 ettari in Trentino, ma anche 700 in Sicilia), e Cantine Due Palme, al top in Puglia. Il Nord e il Sud del Belpaese finalmente con la medesima velocità di sviluppo, almeno nel vino, che ancora una volta si dimostra comparto sano e capace di sfidare la crisi con risultati eccellenti.
Il gruppo trentino Mezzocorona
(www.gruppomezzacorona.it), in particolare, saluta il 2015 con il nuovo record assoluto di bilancio: sfiorati i 175 milioni di euro di fatturato, con oltre 44 milioni di euro liquidati ai soci. Un cammino, quello del gruppo Mezzacorona, fatto di investimenti continui, nella promozione dei vini trentini all’estero, nello sviluppo di nuovi mercati, nella visione aperta dell’impresa agli altri soggetti del territorio.
Nel dettaglio, il gruppo, con sede a Mezzocorona, ha raggiunto un fatturato consolidato di 174.718.189 euro contro i 171.149.725 euro dell’anno passaeo, con un aumento del 2,1%. Il liquidato totale per i soci (che sono oltre 1.600), nell’annata agraria 2014-2015, ha toccato i 44.248.470 euro. L’utile netto è stato di 1.510.226 euro, in aumento sugli 1.242.752 euro dello bilancio passato. La resa finale è stata di 107 euro al quintale. Il patrimonio netto consolidato del gruppo ha toccato i 90.792.109 euro, in ulteriore aumento sugli 89.285.025 euro del 2014. Il cash-flow generato si è attestato sulla cifra di 12.145.756 euro. A conferma di pianificazioni solide e ben architettate, il gruppo trentino può contare su risultati commerciali di tutto rispetto. L’export costituisce oltre l’80% del volume di affari, con una forte presenza negli Stati Uniti, in tutta l’area tedesca (Germania, Austria, Svizzera), nella Scandinavia, nel Regno Unito, nel Canada, nell’Europa dell’Est e nel Giappone.
Se al Nord le soddisfazioni provenienti dalla cooperazione nel comparto vitivinicolo sono ormai una costante, specie in Trentino dove Mezzacorona rappresenta un vero e proprio colosso, anche al Sud questo tipo di organizzazione produttiva riscuote ottimi successi. Più di 26 milioni di euro il fatturato, quasi 8 milioni le bottiglie prodotte, più di 8 milioni gli euro liquidati ai soci e un fatturato Italia che cresce a doppia cifra, sono i numeri del bilancio di Cantine Due Palme (www.cantineduepalme.it), la realtà più dinamica e produttiva della cooperazione pugliese del vino. E il bilancio del 2014 della cooperativa di Cellino San Marco si chiude con un +12% rispetto al 2013. Nel dettaglio, la quota liquidata ai soci conferitori ammonta a 8.461.994 euro. Con il 70% della produzione che va fuori dai confini nazionali, mentre il fatturato del mercato interno si attesta sui 12,2 milioni euro.

Focus - Mezzacorona e la sua struttura imprenditoriale
Il gruppo Mezzacorona conta su 2.800 ettari di vigneto nel Trentino Alto Adige ed oltre 700 ettari in Sicilia, ed è leader per la produzione di cinque varietà: Pinot Grigio, Chardonnay, Gewurztraminer, Teroldego Rotaliano e Lagrein. I marchi di proprietà sono Mezzacorona, Rotari, Tolloy, Feudo Arancio/Stemmari.
Mezzacorona sca è la holding del gruppo Mezzacorona e controlla la filiera dalla campagna fino al vino affinato; si è specializzata come azienda di supporto alle aziende agricole dei soci, con una consulenza di alto livello attuata da un team di tecnici di prim’ordine in tutta la filiera produttiva, dal vigneto fino alla prima lavorazione in cantina ed una filosofia fortemente orientata alla sostenibilità delle produzioni.
Le attività agro-industriali, commerciali e di marketing sono delegate alla Nosio Spa (controllata direttamente da Mezzacorona sca al 60%), che è la subholding del Gruppo e costituisce il motore degli investimenti e dell’innovazione. A sua volta Nosio spa controlla la Prestige Wine Imports Corp.(per il mercato Usa), la Bavaria Gmbh (per il mercato tedesco) ed entrambe le società per la gestione delle due tenute in Sicilia (Solsicano sarl e Villa Albius sarl). Alla Mezzacorona sca sono associate anche le Cantine sociali di Ala e di Salorno.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli