02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CHAMPAGNE

“Fleur de Miraval”, nasce la maison esclusivamente dedicata allo Champagne Rosè a firma Jolie-Pitt

Un progetto enoico, sulla scia del successo del Miraval Rosè, ancora insieme a Famille Perrin ed alla famiglia Péters
BRAD PITT, CHAMPAGNE, FAMILLE PERRIN, ROSÉ, vino, Mondo
Brad Pitt con lo champagne rosè Fleur De Miraval

Sono tanti i volti dello show business internazionale prestati ad etichette del vino: attori, cantanti, modelle e personaggi famosi che, sponsorizzano, o appunto donano la loro celebrità, a griffe del vino, che siano in Usa, in Francia, in Italia o in qualsiasi altro territorio vitivinicolo. Ma, questa, è un’altra storia, dove gli ingredienti sono sì gli stessi, ma il risultato finale è altro. C’è Brad Pitt, uno degli attori più famosi del globo, con una montagna di film di successo alle spalle e un volto più che riconoscibile da chiunque sulla faccia della terra, la sua ex-moglie Angelina Jolie, altra super star mondiale, attrice e regista impegnata nel sociale, e tra le donne più belle del mondo, e c’è il vino, più precisamente lo Champagne Rosé: il progetto, dopo il clamoroso successo del rosè Miraval prodotto in Provenza dal 2012, nasce ancora dalla liaison tra (l’ex) duo Jolie-Pitt e la Famille Perrin, tra i nomi più importanti del vino di Francia, e tra le 12 famiglie della Primum Familiae Vini. Oggi, o meglio dal 15 ottobre, arriva “Fleur de Miraval”, maison di Champagne esclusivamente dedicata alla produzione di bollicine rosate, la prima del suo genere. A cui, appunto, Brad Pitt ha partecipato attivamente, e non solo come il nuovo “celebrity wine”: un progetto autentico di vignaioli, che vedrà sul mercato le prime 20.000 bottiglie, che mettono insieme esperienza, capacità e passione, coinvolgendo anche un terza famiglia, i Péters, che nella loro cantina in Champagne, oggi guidata da Rodolphe Péters a Le Mesnil-sur-Oger, producono il più celebre degli spumanti francesi dalle proprie uve da oltre un secolo, esportandolo in oltre 70 Paesi del mondo.
“Questo progetto è prima di tutto un’impresa artistica, perché produrre ottimi vini è una forma di creazione artistica”, spiega Famille Perrin. “Conosciamo Rodolphe Péters da molti, molti anni e, come lui, siamo appassionati dei grandi vini del mondo. Eppure, ogni volta che ci siamo riuniti per assaggiare Champagne Rosé d’annata, siamo giunti al stessa conclusione: amiamo gli aromi che questi grandi Champagne sviluppano con l’invecchiamento”.
“Fleur de Miraval Rosé è il culmine di cinque anni di lavoro, ricerca e degustazione svolti nella massima segretezza”, aggiunge Rodolphe Péters.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli