02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO ITALIANO

Gelardini & Romani e Finarte uniscono il vino italiano, ad Hong Kong, il 17 maggio

Romani: “risposta straordinaria, c’è sete di grandi etichette italiane”. Groppi (Finarte): “rappresentiamo Italia del vino”

L’avevamo raccontato quasi due mesi fa (qui), e adesso l’idea di Raimondo Romani, alla guida, insieme a Flaviano Gelardini, della Gelardini & Romani Wine Auctions, di una grande asta, ad Hong Kong, con i protagonisti del fine wine italiano dalle principali denominazioni, dal Brunello di Montalcino al Barolo, dai Super Tuscan all’Etna, coinvolgendo le aziende, i wine merchant, i collezionisti e non solo, per rilanciare il mondo dei fine wine del Belpaese, fiaccato dalla crisi economica scatenata dall’emergenza Covid-19, è realtà. Il 17 maggio, ad Hong Kong, dove l’emergenza sanitaria è ormai alle spalle e gli ingranaggi delle attività produttive stanno ripartendo, in partnership con Finarte, sotto il martello finiranno 752 lotti, tutti di vino, quasi tutto dal Belpaese, dal Sassicaia al Brunello di Montalcino Riserva di Biondi Santi, dal Sangiovese di Case Basse (Soldera) al Barolo Monfortino Riserva di Giacomo Conterno.
“È come una prima teatrale - racconta, a WineNews, Raimondo Romani - e come tale ci sono trepidazione ed incognite, ma siamo molto contenti, perché è la prima asta del vino in assoluto che si fa ad Hong Kong dall’inizio 2020, riscuotendo un interesse importante, è stato difficile persino trovare posto per tutti. Merito anche delle 12 wine dinner organizzate con la giovane Master of Wine Sarah Heller, che sono andate benissimo. Alla fine, siamo riusciti a fare ciò che neanche Christie’s, Sotheby’s e Acker Merrall & Condit sono riusciti a fare, mettendo insieme una bella parte dell’Italia del vino. Del resto - continua Romani - qui c’è davvero grande fame di vino italiano, forse avremmo potuto fare persino di più, la domanda è molto superiore all’offerta: il fatturato medio delle aste del vino sfiora i 20 milioni di euro al mese, ed il vino manca da mesi e mesi. Inoltre, l’asta fisica resiste, difficilmente può essere sostituita dall’online, e sono convinto che si debba puntare ad avere cataloghi italiani sempre più ricchi, perché la risposta è ottima, i collezionisti vengono per le nostre etichette, che sono la stragrande maggioranza dei lotti”.
“Flaviano Gelardini e Raimondo Romani ci hanno contattato poco dopo il vostro articolo - racconta, a WineNews, Guido Groppi, capo Dipartimento Vini e Distillati di Finarte - con l’idea di unire un fronte del vino italiano ad Honh Kong, dove l’emergenza è stata superata. Abbiamo accettato immediatamente, facendo sostanzialmente due cose. Da una parte, abbiamo unito la raccolta dei lotti - da collezionisti privati ed aziende - che Gelardini e Romani si occuperanno di battere fisicamente ad Hong Kong, dall’altra parte Finarte ha una piattaforma di vendita online molto ben sviluppata, e quindi abbiamo proposto di mettere tutti i lotti sulla nostra piattaforma e cominciare a raccogliere le offerte. Siamo online da venerdì 8 maggio, è stato complesso mettere insieme i lotti di due case d’asta diverse, ma nel costruire ognuno la propria asta abbiamo deciso di unire le forze. Sarà interessante perché l’offerta è molto valida, con lotti che vanno da Sassicaia e Masseto a verticali di altre Montevetrano e Parusso molto particolari. In tutto sono più di 750 lotti di vini italiani di altissimo livello, e saranno acquistati in dollari di Hong Kong, la valuta con cui verranno pagati i lotti. Altra cosa importante da sapere è che la maggior parte dei vini è in Italia, per cui chi compra dall’Italia non dovrà sostenere costi aggiuntivi. Di certo - conclude il capo Dipartimento Vini e Distillati di Finarte - non sarà un’asta come le altre: è una situazione molto difficile, la ristorazione in giro per il mondo è ferma, e quest’asta rappresenta l’Italia del vino, in maniera compatta, sia dal punto di vista dell’offerta - articolata e di grande livello - che per il fatto di vedere due grandi case d’asta lavorare spalla a spalla, in un momento particolarmente duro”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli