02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
MERCATI MONDIALI

Gli Usa salvano il vino d’Italia e d’Europa da ulteriori dazi. Almeno per ora

La decisione comunicata nella notte italiana dal United States Trade Representative. Restano i dazi al 25% per Francia, Spagna e Germania
DAZI, ITALIA, TRUMP, USA, vino, Mondo
Il presidente Usa Donald Trump. Per ora niente dazi sul vino italiano

Gli Usa salvano il vino italiano ed europeo da ulteriori dazi. Almeno per ora. È la decisione comunicata nella notte italiana dal United States Trade Representative, che, almeno per il settore del vino, lascia inalterato, sostanzialmente, il quadro attuale, con dazi al 25% per i vini fermi di Francia, Spagna e Germania.
Ma l’incertezza resta, perchè nel quadro della disputa tra l’americana Boeing e l’europea Airbus, Trump e l’amministrazione americana avranno ancora, nei prossimi mesi, la possibilità di introdurre “dazi a carosello” su diverse merci Ue. Certo è che, per ora, a tirare almeno un sospiro di sollievo sono sia i produttori d’Italia, che vedono restare il dazio zero sui propri vini, che d’Europa che, quantomeno, nel caso di Francia, Spagna e Germania, non vedono aggravarsi una situazione già complicata per i dazi al 25% introdotti ad ottobre, che restano in vigore. E anche il trade del vino americano, che, dall’inizio della vicenda, si è sempre detto contrario all’introduzione di dazi, potenzialmente anche al 100%, sui vini del Vecchio Continente, che per importatori, distributori e retailer sarebbero stati una vera e propria catastrofe. Una buona notizia, comunque, per l’Italia, che, nei primi 11 mesi 2019, ha esportato vino in Usa per 1,4 miliardi di euro, in crescita del 3,7% sul 2018, secondo i più recenti dati Istat.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

TAG: DAZI, ITALIA, TRUMP, USA, vino

Altri articoli