02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
MERCATI MONDIALI

Guerra commerciale Usa-Cina, tra le prime vittime i falsi formaggi italiani, sottolinea Coldiretti

Parmesan & Co tra i prodotti colpiti dai dazi di Pechino come ritorsione alle misure di Washington. Agroalimentare sempre più coinvolto
CINA, DAZI, MADE IN ITALY, PARMESAN, USA, Non Solo Vino
Dai dazi della Cina sui formaggi Usa grandi possibilità per made in Italy dice Coldiretti

Tra i due litiganti, verrebbe da dire, il terzo gode. Visione probabilmente troppo ottimista della guerra commerciale che si sta scatenando tra Usa e Cina, ed in parte anche Europa, e che inizia a colpire anche il settore agroalimentare. Fatto sta che tra le prime “vittime” dello scontro tra Washington e Pechino, “ci sono i falsi formaggi italiani prodotti negli Stati Uniti, dal parmesan al provolone fino alla mozzarella, colpiti dalla ritorsione di Pechino alle misure protezionistiche di Trump appena entrate in vigore”. A dirlo la Coldiretti nel sottolineare che l’Italia potrebbe avvantaggiarsi della situazione dopo che le esportazioni di formaggi made in Italy nel paese asiatico sono cresciute del 27% in quantità nel 2017 raggiungendo il massimo storico. “Secondo il Wall Street Journal - riferisce la Coldiretti - i magazzini di stoccaggio dei principali produttori statunitensi di formaggio di tipo italiano si stanno gonfiando di scorte invendute a causa del crollo delle spedizioni verso la Cina in seguito ai nuovi dazi decisi a partire dal 6 luglio. Una situazione aggravata dal fatto che - precisa la Coldiretti - anche il Messico ha applicato tariffe aggiuntive per le importazioni statunitensi per gli stessi formaggi come risposta ai dazi Usa. Gli Stati Uniti - ricorda la Coldiretti - sono i principali produttori delle imitazioni dei formaggi italiani nel mondo per un totale di 2,4 miliardi di chili nel 2017 tra mozzarella, parmesan, provolone, ricotta e romano. Si aprono dunque interessanti opportunità per le esportazioni di cibo Made in Italy nel paese asiatico, a partire dai prodotti lattiero caseari che nel 2017 hanno raggiunto il record delle vendite nel mondo, raggiungendo la quantità record di 412 milioni di chili e con una crescita a doppia cifra nella stessa Tigre asiatica. I dazi cinesi - spiega la Coldiretti - avranno l’effetto di riaprire alle specialità italiane spazi sugli scaffali sino ad oggi ingiustamente usurpati dalle imitazioni americane”.
Lo stop cinese interessa - spiega Coldiretti - colpisce in realtà una vasta gamma di prodotti agroalimentari a stelle e strisce, dai formaggi alla soia, dal mais al grano, dallo yogurt al burro, dal riso alla carne di maiale e di manzo, fino a pollame, pesce, nocciole e frutta e verdura come arance, patate, pomodori, asparagi, melanzane. E chance di crescita si profilano anche per il settore ortofrutticolo italiano a partire dalle arance, anche se per l’esportazione di altri prodotti resta da superare l’ostacolo delle barriere fitosanitarie imposte da Pechino.
“Va però sottolineato che, a fronte delle opportunità per il cibo tricolore, l’estendersi della guerra dei dazi tra i due giganti dell’economia mondiale ai prodotti agroalimentare apre scenari inediti e preoccupanti nel commercio mondiale di alcuni prodotti base - sottolinea la Coldiretti - dalla soia al sorgo fino alla carne. È infatti crollato del 19% il prezzo della soia nell’ultimo mese alla borsa merci di Chicago, principale punto di riferimento mondiale per la quotazione delle materie prime agricole, secondo l’analisi Coldiretti. La soia è uno dei prodotti più sensibili presenti della black list asiatica perché è tra i prodotti agricoli più coltivati nel mondo, largamente usato per l’alimentazione degli animali da allevamento, con gli Stati Uniti che si contendono con il Brasile il primato globale nei raccolti seguiti, sul podio, dall’Argentina per un totale dell’80% dei raccolti mondiali. Per sostenere l’aumento del consumo di carne con i propri allevamenti la Cina - precisa la Coldiretti - è il principale acquirente mondiale della soia, ma con lo scattare del dazio aggiuntivo del 25% nei confronti degli Stati Uniti ha fatto cambiare le fonti di approvvigionamento a favore del Brasile. Le disdette pesano sui raccolti statunitensi e sulle quotazioni riconosciute ai farmers americani, ma anche sugli allevatori e sui consumatori cinesi per l’aumento dei costi di produzione e in definitiva anche dei prezzi della carne. Per le dimensioni del fenomeno la situazione - conclude la Coldiretti - va però attentamente monitorata da parte dell’Unione Europea per verificare l’opportunità di attivare, nel caso di necessità, misure di intervento straordinarie anche a livello comunitario”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli