02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ACCORDI INTERNAZIONALI

Hktdc e Veronafiere, accordo fino al 2021, Vinitaly ancora protagonista ad Hong Kong

Il vino italiano avrà un posto in prima fila alla Hong Kong International Wine & Spirits Fair, sbocco per un mercato da 1,37 miliardi di euro
FIERA, Hong Kong, VERONAFIERE, VINITALY, vino, Mondo
Veronafiere e HKTDC, la firma sull'accordo

Veronafiere consolida la propria presenza in Asia in collaborazione con l’Hong Kong Trade Development Council: è arrivata la firma dell’accordo che prolunga al 2021 la partnership tra i due enti, e attraverso le Vinitaly e Sol&Agrifood si rafforza così la presenza italiana alla Hong Kong International Wine & Spirits Fair, che copre un mercato dove il vino e l’olio extravergine di oliva made in Italy hanno ancora importanti margini di crescita. Hong Kong ha un notevole vantaggio competitivo nel commercio del vino, e dopo l’abolizione dei dazi nel 2008 ha svolto un ruolo importante come hub di vini duty-free in Asia. Questo, assieme alle misure di agevolazione doganale tra Hong Kong e la Cina continentale, fa di Hong Kong una perfetta via di accesso all’enorme mercato continentale per i produttori enoici di tutto il mondo. Di conseguenza, i legami commerciali tra Hong Kong e l’Italia sono particolarmente significativi: l’Italia nel 2018 ha rappresentato il quinto fornitore di vino di Hong Kong, dove le importazioni globali hanno superato il valore di 1,37 miliardi di euro.
“Collaboriamo con il gruppo Veronafiere da oltre un decennio - commenta il direttore Hong Kong Trade Development Council, Benjamin Chau - ospitando il Vinitaly Pavilion nella Wine & Spirits Fair (la prossima edizione è in programma dal 7 al 9 novembre 2019, ndr). È possibile creare ancora più sinergie rafforzando queta collaborazione come organizzatori di importanti fiere nel settore del vino e non solo. Sono sicuro - prosegue Chau - che il rinnovo della cooperazione siglata oggi rafforzerà la nostra alleanza strategica e definirà l’ambito della nostra collaborazione in corso per portare ancora più produttori leader di vini italiani a Hong Kong”.
“Il rinnovo triennale rientra nelle linee di sviluppo definite dal piano industriale di Veronafiere - sottolinea il dg Veronafiere, Giovanni Mantovani - e secondo gli analisti Hong Kong (che non a caso si trova al centro delle nuove infrastrutture intermodali) continuerà ad essere uno snodo fondamentale nelle relazioni commerciali con la Cina e l’Asia. Con l’accordo di oggi si consolida ulteriormente il rapporto con l’Hong Kong Trade Development Council, una partnership a sostegno della piattaforma di internazionalizzazione che Veronafiere mette a disposizione delle aziende del made in Italy, in particolare attraverso i propri brand-asset, come Vinitaly e Sol&Agrifood, per promuovere la cultura del vino e dell’olio extravergine d’oliva, ma soprattutto favorendo l’ingresso e il posizionamento sui mercati asiatici e nei canali horeca. Da questa lunga esperienza possono originare, inoltre, anche altre collaborazioni strategiche per la promozione e la commercializzazione di altri prodotti del made in Italy, per i quali Veronafiere detiene e organizza già nel proprio quartiere espositivo rassegne leader internazionali”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli