02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ANALISI

I giovani voltano le spalle al vino, e in Italia e Francia la birra mette nel mirino il sorpasso

Nel 2021 i consumi di birra nel Belpaese hanno toccato i 35,2 litri pro capite, conto i 40 del vino: una tendenza che appare irreversibile
BIRRA, CONSUMI, FRANCIA, GIOVANI, ITALIA, TENDENZA, TREND, vino, Italia
La birra mette nel mirino il sorpasso al vino

Nell’Europa che punta ad un taglio del 10% dei consumi di alcolici entro il 2030, il declino, in effetti, è iniziato già da un po’. Almeno sul fronte del vino, che anno dopo anno registra, inesorabile, la disaffezione delle nuove generazioni e un mutamento dei consumi e delle abitudini che appare irreversibile. Nel 2021, come ricordano i dati Oiv (Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino), il primato di consumo pro capite andava al Portogallo, con 45 litri di vino consumati ogni anno, seguito da Italia (40 litri) e Francia (poco più di 38). Numeri che fanno impallidire qualsiasi altro Paese, e non c’è da stupirsi, perché, come ripetiamo spesso, il vino è un caposaldo della cultura, della storia e della dieta mediterranea.

Eppure, sono gli stessi numeri che raccontano il declino: nel 1965, ad esempio, il consumo medio in Italia arrivava a 110,1 litri. Un altro mondo, un’altra epoca, in cui il Belpaese era nel bel mezzo dell’industrializzazione che, nel volgere di qualche anno, avrebbe svuotato le campagne e cementificato le città. Bastano 40 anni per vedere quel dato erodersi di quasi due terzi: nel 2005 i consumi di vino arrivavano a 45,7 litri pro capite all’anno. La rivoluzione, a quel punto, era completa. Accelerata, negli ultimi tempi, da una serie infinita di grandi e piccoli eventi: la pandemia, la centralità di scelte salutari nel carrello e nella quotidianità, e ancora la crescita, parallelamente al calo dei consumi di vino, di altre bevande alcoliche, la birra su tutte.

Certo non una novità, al contrario, ma è negli anni Ottanta e Novanta del Novecento (con lo scandalo del metanolo a fare da miccia) che la birra, bevanda globale, standardizzata, prodotta in volumi enormi, sostanzialmente economica, esplode nel Belpaese. Nel 2005, gli italiani hanno bevuto 29,7 litri di birra pro-capite, diventati, nel 2021, 35,2.

Con questi ritmi, non ci vorrà molto per vedere il sorpasso storico sul vino, sia in Italia che in Francia, dove la forbice è leggermente più ampia: Oltralpe i consumi di birra hanno raggiunto i 32 litri pro capite annui. Ciò che dovrebbe far tremare i polsi dei produttori è il fatto che si fa sempre più profondo il gap tra amanti della birra e wine lovers tra i giovani. Restando in Francia, tra gli under 35 gli acquisti di vino fermo, che nel 2014 rappresentavano il 31% del totale degli alcolici, nel 2021 sono scesi ad una quota del 23%. Al contempo, la birra, che valeva il 24% della spesa complessiva destinata agli alcolici, è cresciuta fino al 39%. Ed il trend, pur partendo da posizioni decisamente favorevoli al vino, è identico anche tra le fasce di consumatori più mature.

Le cose non vanno troppo diversamente in Italia, dove, stando ai dati Istat sul 2021, tra chi ha 20-24 anni il 49,3% consuma vino e il 59,2% consuma birra. Nella fascia 25-34 anni la distanza è inferiore, ma comunque a favore della birra: il 58,3% consuma vino, il 62,7%, appunto, birra. Dinamica praticamente identica alla fascia di età successiva, quella compresa tra 35 e 44 anni, mentre la distanza si annulla tra chi ha 45-54 anni e diventa e il dato diventa favorevole al vino dai 55 anni in su.

Copyright © 2000/2023


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2023

Altri articoli