02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
ECCELLENZE

Il bello e il buono del made in Italy, in bottiglia: il Tancredi 2016 di Donnafugata by D&G

La griffe della moda incontra il grande rosso della famiglia Rallo: dopo il “Rosa”, l’edizione limitata ispirata al Gattopardo
DOLCE & GABBANA, DONNAFUGATA, ECCELLENZE, TANCREDI, Italia
L’edizione limitata di Tancredi by Dolce & Gabbana

La partnership tra due eccellenze del buone e del bello del made in Italy, come la griffe del vino siciliano Donnafugata, la cantina della famiglia Rallo, guidata da Antonio e Josè Rallo, e il marchio di alta moda Dolce & Gabbana, si arricchisce di un nuovo capitolo: dopo il “Rosa”, vino sartoriale, sotto ogni punto di vista, ovviamente rosato, figlio di due simboli della viticoltura siciliana come il Nerello Mascalese e il Nocera (lanciato a metà maggio e andato sold out in una settimana, ndr), ecco l’edizione limitata e numerata del Tancredi 2016. Ispirato al personaggio omonimo de “Il Gattopardo”, Tancredi si distingue con un packaging che unisce tradizione e modernità. L’oro, il blu e le linee d’ispirazione barocca rimandano al prestigio dell’aristocrazia, mentre il rosso, il verde e le geometrie rievocano i valori rivoluzionari che si affermarono in Sicilia dopo l’Unità d’Italia.
In 8.013 bottiglie, rigorosamente numerate e griffate Dolce & Gabbana, questa edizione limitata di Tancredi è un blend delle due varietà originarie, con cui è prodotto sin dal 1990, ossia Nero d’Avola e Cabernet Sauvignon, con l’apporto del Tannat. Prodotto nella tenuta di Contessa Entellina, dopo un lungo affinamento in bottiglia, la speciale tiratura si distingue, come racconta il comunicato della griffe della moda internazionale, per l’avvolgente personalità mediterranea, gli aromi fruttati, balsamici e speziati, che rendono il Tancredi (disponibile sullo shop online di Dolce & Gabbana) inconfutabilmente siciliano.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli