02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il boom del cibo a domicilio muove cifre da capogiro: la società di ricerca online sui ristoranti Yelp cede Eat24 per 287,5 milioni di dollari alla piattaforma di “food delivery” GrubHub. Un accordo di partnership ben accolta anche da Wall Street

Il boom del cibo a domicilio muove cifre da capogiro, anche in borsa. È di pochi giorni fa la notizia dell’avvenuto accordo fra Yelp, la società di ricerca e informazioni web sui ristoranti, e GrubHub, piattaforma online specializzata nella consegna di pasti a domicilio: l’accordo ammonta a 287, 5 milioni di dollari e prevede la cessione da parte di Yelp del suo servizio di cibo a domicilio Eat24 all’interno di una grande partnership con GrubHub.
L’affare è stata accolto positivamente da Wall Street che ha fatto salire del 20% il valore delle azioni di Yelp, che porta un fatturato di 208,9 milioni di dollari, con un incremento del 20% sull’anno precedente, dovute soprattutto alle entrate pubblicitarie.

All’interno di un mercato altamente competitivo come quello della “food delivery”, E24 - un servizio apparentemente incompatibile con la compagnia di ricerca online - Eat24 copriva quella fetta di utenti che, alla ricerca di un ristorante sul web, decidevano poi di ordinare il pasto e farselo consegnare a casa. Grazie a questo accordo, Yelp ha trovato una società con esperienza che si occupa della parte operativa delle consegne a domicilio, mentre lei stessa può focalizzarsi sulla sua attività principale. Un accordo win-win dove ogni parte opera nell’ambito in cui eccelle, collaborando allo stesso tempo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli