02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

IL CORRIERE DELLA SERA

Le start up di Padoan. Bollicine per Illy? ... È partito tutto dal caffè. A cui si è aggiunto il thé di Damman Freres, il cioccolato di Domori e poi il vino, passione più recente di Riccardo Illy che nel 2008, con la holding di famiglia, ha rilevato a Montalcino le cantine Mastrojanni. L’ex sindaco di Trieste ci deve aver preso gusto a fare il vignaiolo tanto che, secondo le indiscrezioni raccolte dal sito WineNews, potrebbe mettere a segno la prima acquisizione del 2018 nel territorio del Montalcino. L’oggetto dei desideri sarebbe una tenuta a due passi dalla millenaria Abbazia di Sant’Antimo con 6 ettari di vigneto, di cui 3 a Rosso di Montalcino e 3 a Sant’Antimo, confinanti con parte dei vigneti già di proprietà di Illy la cui estensione salirebbe così a 40 ettari. Ma è possibile che l’imprenditore veneto vada anche oltre. Da tempo si rincorrono voci di un interesse per le terre del Barolo e per i domaines della Borgogna, che potrebbe arrivare - secondo qualcuno - fino a Reims, nel cuore dello Champagne, dove c’è Taittinger, quasi quattrocento anni di storia delle bollicine, di cui Illy ha (per ora) l’esclusiva della distribuzione in Italia.

Carlo Cinelli e Federico De Rosa

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli