02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
TRACCIABILITÀ BIO

Il futuro del biologico per Anabio e Cia passa per la tracciabilità con nuove tecnologie

Al seminario a Roma “Accrescere la reputazione del biologico” la necessità di attivazione da parte del Governo di una piattaforma telematica nazionale
BIOLOGICO, TRACCIABILITÀ, Non Solo Vino
La reputazione del biologico passa attraverso la tracciabilità, e alle nuove tecnologie

Il mondo dell’agricoltura biologica ha visto l’interesse dei consumatori crescere vertiginosamente negli ultimi anni: a oggi il comparto biologico vale in Italia 3,5 miliardi di euro, interessa 8 consumatori su 10 e coinvolge quasi 76 mila aziende su 2 milioni circa di ettari coltivati. Alla base del suo “successo” la volontà di chi compra, di avere nel piatto prodotti sani, naturali, cruelty-free e tracciabili. La contraddizione è, però, che al momento l’Italia non è dotata di una sua piattaforma telematica nazionale, non ancora. Su questo è incentrato il seminario “Accrescere la reputazione del biologico: la tracciabilità alla luce delle nuove frontiere tecnologiche”, organizzato a Roma da Anabio. I prodotti bio, com’è stato sottolineato al seminario, hanno il vantaggio di essere certificati da un organismo terzo, in conformità con un’articolata regolamentazione comunitaria che rende ogni operatore tracciato e rintracciabile. Perché questa normativa possa essere attuata, è necessario che ogni Stato membro dell’Ue si doti di una propria piattaforma telematica, bacino di tutti i dati nazionali e che, a sua volta, confluisca in quella europea. In attesa che il Governo italiano adotti e renda operativa la propria piattaforma pubblica, molto probabilmente nelle prossime settimane, sono state attivate da FederBio e Ass.O.Cert.Bio, due sistemi informatici di tracciabilità integrata per i prodotti biologici.
Nella tecnologia sta sicuramente il futuro, anche e soprattutto dell’agricoltura: c’è sempre più bisogno di tracciabilità, e organi di controllo “vecchio stile” non sono più all’altezza. Proprio questi sistemi telematici recentemente adottati per la tracciabilità dei prodotti biologici saranno posti sempre più in stretta relazione con la tecnologia Blockchain, la nuova Internet delle transazioni, come hanno spiegato Anabio e Cia, un’infrastruttura digitale utile a gestire banche dati in maniera diffusa, senza la presenza di un’autorità di controllo dei dati e di gestione dei flussi di informazione, però in grado di garantire la tracciabilità assoluta, ricorrendo al processo di concatenazione (chain) che porta ogni transazione (block) ad accodarsi alle precedenti senza permettere retroattivamente alcuna modifica.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli