02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

IL MESSAGGERO

Morgan Stanley: il vino sta finendo ... Il vino sta finendo con il rischio di non riuscire a soddisfare la domanda mondiale. L’allarme, riferisce il sito WineNews, emerge da una ricerca voluta dalla banca d’affari Usa Morgan Stanley, secondo la quale mancano 300 milioni di casse l’anno, visto che se ne producono, in media, 2,8 miliardi e la situazione, complice il clima mondiale e le scelte economiche dei Paesi produttori, non potrà che peggiorare. Le responsabilità maggiori sono dell’Europa, centro nevralgico della produzione di vino in tutto il mondo, dove nel 2012 la raccolta ha fatto segnare -10%, il peggior risultato dal 1960, a fronte di un calo globale del 5%. In tutto questo le aree adibiti ai vitigni dei tre maggiori Paesi produttori è andato riducendosi dal 2000 al 2013 in maniera costante ed inarrestabile: Spagna, Francia e Italia che rappresentavano insieme il 38,3% del vigneto mondiale, oggi «valgono» il 34,2%, ossia milioni di ettari in meno. La produzione invece, rileva la ricerca, è aumentata dell’1% grazie a due Paesi chiave come la Cina e gli Usa. Resta da vedere ora la vendemmia del 2013 che secondo gli esperti invece è stata abbondante.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su