02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 ore

In affitto botti e attrezzature per gestire l’azienda vinicola ...L’azienda vinicola si gestisce a noleggio. Dalla vendemmia alle botti, passando per i macchinari e la conduzione dell’intero processo di vinificazione, società specializzate in servizi alle cantine propongono a noleggio tutte le fasi e le attrezzature per portare avanti una cantina, mettendo a disposizione anche figure professionali come l’agronomo e l’enologo. Il ricorso al contoterzismo è senza dubbio una realtà consolidata e in grado di contribuire, non soltanto per le piccole e medie imprese, alla rimodulazione dei costi d’esercizio e d’ammortamento, correntemente legati all’acquisto di impianti e macchinari e, almeno potenzialmente, alla maggiore competitività sui mercati. La fiorentina Tecnovite Cantina, per esempio, è oggi leader nella fornitura di servizi altamente specializzati in vigna e in cantina: dalla gestione ordinaria della cantina; alla vendemmia, alla filtrazione e imbottigliamento, fino alla sanificazione e pulizia di ambienti, legni (barriques, tonneaux, botti), serbatoi e macchinari. “Negli anni Ottanta dalla campagna si scappava”, racconta Stefano Casadei, allora giovane agronomo, oggi presidente e fondatore di Tecnovite, che allora intuisce che quell’apparente stato di crisi apriva un mercato completamente nuovo: la fornitura di servizi chiavi in mano pensati ad hoc per le aziende del settore agricolo, in tempi in cui la manodopera iniziava a mancare e le competenze venivano dirottate in ambito industriale. H&A Barrels Management, società nata qualche anno fa a Bordeaux (Richard Hardiller e Florent Arrouyi fondatori), invece, offre il noleggio delle botti. Un nuovo servizio che dalla Francia e dalla Spagna, dove è già consuetudine consolidata, sta diffondendo anche in Italia. La società si occupa di tutto: consegna, installazione in loco, ritiro, lavaggio e sterilizzazione. “Il concetto è semplice - spiega Stefano Cordero di Montezemolo, docente di Economia del Vino all’Università di Firenze, nonché advisor in Italia di H&A, in un’intervista a WineNews -. La società acquista le botti dalla tonnellerie che viene scelta direttamente dal produttore di vino, che si parli di barrique, di botti grandi o di botti di altro genere. E poi le affitta alle cantine, e una volta finito il periodo di affitto le ritira e le rivende ai produttori di spirits, di birre e così via, creando un circolo virtuoso. Spesso per acquistare si accede a forme di finanziamento che durano oltre la durata stessa del bene, e questo, da un punto di vista finanziario, è improprio”. I vantaggi del noleggio, al posto dell’acquisto, sono diversi. Nessuna iscrizione in bilancio, nessuna immobilizzazione di capitale né ammortamento, costo d’esercizio adattabile in base agli arbitrati, nessun anticipo Iva. Con il noleggio, inoltre, la spesa è detraibile e alla fine della locazione la società si occupa del ritiro o dello smaltimento, di tracciare e certificare tutto il percorso. Uno strumento adatto soprattutto alle piccole realtà che non dispongono di grandi capitali e necessitano di flessibilità nelle dotazioni, a seconda dell’andamento della vendemmia.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su

Altri articoli