02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO E SCIENZA

In Francia sequenziato il primo genoma di un portinnesto, il Riparia Gloire de Montpellier

La ricerca dell’Inra, Isvv e Università di Bordeaux. Si tratta anche della prima specie di vite non europea ad essere sequenziata
GENOMA, PORTINNESTO, RIPARIA GLOIRE DE MONTPELLIER, vino, VITE, Mondo
In Francia sequenziato il primo genoma di un portinnesto, il Riparia Gloire de Montpellier

La ricerca genetica, a detta di molti, è fondamentale per il futuro della viticoltura mondiale, così come lo è la ricerca sul portainnesto della vite. E da Bordeaux arriva la notizia del sequenziamento del primo portinnesto ad essere sequenziato, nonché del primo genoma di una vite non europea: si tratta del Riparia Gloire de Montpellier, uno dei primi portinnesti utilizzati alla fine del 1800 per arginare la fillossera. A decriptarne il codice genetico (37.000 i geni identificati) sono stati i ricercatori dell’Inra (Institut national de la recherche agronomique), dell’Isvv (Institut des Sciences de la Vigne et du Vin) e dell’Università di Bordeaux. Uno step importante, poiché, non tanto per la sua diffusione attuale, spiegano i ricercatori (oggi in Francia si stima che la superficie innestata con questo portinnesto sia intorno ai 17.000 ettari), ma perchè si tratta del portainnesto più antico usato in Francia ed è il padre di molti altri portinnesti usati oggi. E con molte similitudini con il Pinot Nero, primo vitigno di cui è stato svelato il genoma (già nel 2006, da parte dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige, ndr). Attraverso questo sequenziamento, pubblicato sulla rivista “Scientific Data”, i ricercatori sperano di identificare i geni assenti nelle viti europee, compresi i geni specifici per le radici che resisterebbero a determinati agenti patogeni o allo stress idrico.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli