02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
LA TENDENZA

In Usa 10 anni di “sparkling mania”, con i consumi di bollicine cresciuti del 51%

A dirlo i dati di Impact Databank. Dal 2010 al 2018 consumi di Prosecco a +561%, e crescita a due cifre per Champagne, Cava e spumanti californiani
BOLLICINE, CALIFORNIA, CAVA, CHAMPAGNE, IMPACT DATABANK, PROSECCO, SPUMANTI, USA, Mondo
In Usa 10 anni di “sparkling mania”, con i consumi di bollicine cresciuti del 51%

Nel mondo del vino, le bollicine sono state le assolute protagoniste dell'evoluzione dei consumi. Dapprima vino da fine pasto, sono state sdoganate come vino gastronomico e capace di accompagnare un intero pranzo o una cena, e poi, da vino da “evento”, da festeggiamento, sono entrate nel quotidiano dei consumatori di tutto il mondo. E gli Usa non fanno eccezione, come raccontano i dati di Impact Databank del gruppo Shanken (editore di Wine Spectator, ndr). Dal 2007 al 2017, spiegano i dati, i consumi complessivi sono cresciuti del 51,1%, ed il grande protagonista di questa crescita, almeno nei volumi, è per distacco il Prosecco, cresciuto, dal 2010 al 2018, di qualcosa come il +561,6%, con i consumi che hanno superato i 5,3 milioni di casse da 9 litri. Motore formidabile di quella “sparkling mania” che ha contagiato anche gli Stati Uniti, mercato n. 1 del vino mondiale (e dell'Italia del vino nel suo complesso), che ha visto crescere tutte le bollicine più importanti a doppia cifra, dallo Champagne, a +40,4%, al Cava spagnolo, a +19,2% (ed entrambi con spedizioni che superano 1,7 milioni di casse da 9 litri), così come la produzione americana, ovvero gli spumanti made in California, cresciuti del 26,6%. Un trend più che solido, dunque, e che non sembra destinato ad esaurirsi nel breve termine. E di cui, magari, potrebbero approfittare anche le grandi bollicine metodo classico del Belpaese, dal Trentodoc al Franciacorta, dall'Alta Langa all'Asti, in cerca di riscossa.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli