02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CONSUMI ALIMENTARI

Italiani pazzi per la pasta: 6 su 10 la mangiano tutti i giorni, boom nel lockdown

Dati diffusi per il World Pasta Day (25 ottobre). TheFork: pasta tra i piatti più ordinati al ristorante
PASTA, THEFORK, vino, WORLD PASTA DAY, Non Solo Vino
Pasta, un must per gli italiani, anche al ristorante (indagine TheFork)

Italiani pazzi per la pasta. Ogni anno vengono consumati 23,1 chili a testa, ne mangia la quasi totalità della popolazione (98%), circa 6 su 10 la portano a tavola tutti i giorni e quasi un terzo ne ha aumentato il consumo durante il lockdown. I dati, diffusi da Unione Italiana Food, per il World Pasta Day, la Giornata Mondiale della Pasta, che si celebra il 25 ottobre, confermano l’iconicità di un piatto simbolo della tradizione gastronomica italiana e non solo, visto che è la prima scelta anche per le famiglie di Uk (72%), Francia (54%), Germania (54%) e Usa (48%).
Secondo TheFork, app leader per la prenotazione dei ristoranti online a livello globale e partner del World Pasta Day 2020, che ha coinvolto in un sondaggio la sua community, la pasta è ancora considerata un pasto bilanciato dal 58% del campione e molto apprezzato quando si va a mangiare fuori.
Ci si aspetta che sia quasi sempre presente sul menù: il 46% dei rispondenti associa questa proposta a qualsiasi ristorante, che si tratti di un’osteria o di un fine dining. Non solo: più della metà afferma che molto spesso la sua scelta al ristorante ricade proprio su un primo. All’85% piace infine essere stupiti con una ricetta particolare proposta dallo chef, invece di una tradizionale. <br
Parlando di preparazioni, la pasta ripiena e la pasta al pesto, seguite da carbonara e condimenti a base di verdure, sono le ricette preferite. Non mancano menzioni di proposte particolari come pasta mantecata con formaggio, zucca e speck, pasta fresca al sugo di astice blu o tagliatelle con scorza di limone e prosciutto crudo.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli