02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
BENVENUTO BRUNELLO 2019

La capacità di andare oltre il limite, la grande passione nel fare il meglio: Alex Zanardi e il vino

Il pilota e campione olimpico ha firmato la formella che celebra la vendemmia 2018 del Brunello di Montalcino, giudicata a “4 stelle”

“Ognuno di noi quanto è davanti alle difficoltà cerca il modo di superarle al meglio, e magari di trasformarle in opportunità, come è successo a me. E se è vero che anche la vite fanno così, allora questo ce l’abbiamo in comune, come in comune con i produttori di vino ho la passione nel fare il massimo in quello che facciamo, loro in vigna per produrre nettari meravigliosi, ed io nello sport”.
Così, a WineNews, Alex Zanardi, pilota, paraciclista da 4 medaglie d’oro alle Olimpiadi, capace di trasformare il terribile incidente che nel 2001 lo ha lasciato senza gambe in opportunità, ma anche amante del vino e di Montalcino, di cui ha celebrato l’annata 2018, a Benvenuto Brunello, realizzando la formella celebrativa della vendemmia, giudicata a 4 stelle (su un massimo di 5, ndr).
“Se sono qui è anche per la grande amicizia che mi lega alla famiglia Bianchini, proprietaria di Ciacci Piccolomini d’Aragona, una delle cantine più prestigiose di questo meraviglioso territorio”, ha detto Zanardi.

Che, nella formella, ha riportato, in forma di stelle, quattro frasi che esprimono concetti a lui cari, e in grado di riassumere la sua filosofia e il suo approccio alla vita, in cui “a stare fermi, non succede niente”, perché la fortuna ci regala le migliori opportunità “quando incontra la nostra preparazione”. Per questo, si legge nella formella di Zanardi, “è la curiosità che illumina la strada”, e per questo occorre riempire l’esistenza “di grandi tentativi per fare le cose che amiamo al meglio delle nostre capacità”.
“Un bicchiere di vino può suggellare un momento, un’emozione, che personalmente vedo quasi in automatico condivisa con un amico. E se nel bicchiere c’è del Brunello di Montalcino, l’amico sarà certamente un buon amico, quello col quale condividi ricordi e passioni. Con lo sguardo perso nell’orizzonte di un bel tramonto a raccontarsi modi di intendere la vita, cose che credi d’aver compreso. Questo ho voluto mettere nella piastrella che celebra l’annata 2018, ed è stato un grande onore averlo potuto fare”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli