02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La cucina per Paestum: il 30 luglio, nella città dei templi, gli chef Massimo Bottura, Heinz Reitbauer, Sven Elverfeld e il pizzaiolo Franco Pepe, con Le Strade della Mozzarella, cureranno la cena che chiude la raccolta fondi per scavi archeologici

Ciò che rende l’Italia un grande Paese sono le bellezze che lo incorniciano. Paesaggi, città che sono vere e proprie opere d’arte, la sua storia antica e, anche, la tradizione culinaria: il loro incontro, poi, crea un vero e proprio concerto artistico. Spesso succede che addirittura un’arte dia il suo contributo per farne sopravvivere, o rivivere, un’altra, come nel caso dei templi di Paestum: tre chef prestigiosi in tutto il mondo e uno dei migliori pizzaioli d’Italia, per la raccolta fondi che servirà a finanziare gli scavi stratigrafici dell’antica città partenopea. Una cena speciale, curata da Lsdm - Le strade della mozzarella (www.lsdm.it), il 30 luglio proprio nella città dei templi, affidata agli chef Massimo Bottura, tristellato della sua Osteria Francescana di Modena, Heinz Reitbauer, chef del ristorante Steirereck di Vienna, 2 stelle Michelin, e Sven Elverfeld del Aqua at The Ritz-Carlton di Wolfsburg, 3 stelle Michelin. L’ouverture dell’esclusiva cena sarà nelle mani di Franco Pepe, maestro pizzaiolo di fama mondiale del Pepe in Grani. La raccolta fondi quindi si concluderà nei migliori dei modi, con una cena di soli 90 posti di alta classe in una suggestiva cornice piena di storia e tradizione, riservata ai donatori.
“Crediamo fortemente - sottolineano Barbara Guerra e Albert Sapere, ideatori e curatori del Congresso Internazionale di cucina d’autore di Lsdm - che in un Paese come l’Italia, la commistione e il lavoro sinergico di cibo e cultura siano fondamentali e questo evento ne è la riprova. Ci auguriamo che iniziative del genere vengano replicate anche altrove per promuovere e valorizzare i tesori della nostra terra”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli