02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Repubblica - Firenze

I “rossi” toscani segnano rialzi a doppia cifra… Stando a Winenews.it - che monitora i dati Liv-ex, il benchmark del mercato secondario dei fine wine, e l’andamento dei prezzi medi online rilevato quotidianamente, da Wine-Searcher, portale di riferimento per i wine lover di tutto il mondo - solo due bottiglie in commercio superano la soglia dei 1.000 euro: il Barolo Riserva Monfortino di Giacomo Conterno, che si trova in media a 1.095 euro e, a poco meno, l’Amarone della Valpolicella di Giuseppe Quintarelli, a 1.076 euro (561 euro solo nell’arile scorso). Al terzo posto, il Barbaresco Crichet Paje di Roagna, a 781 euro a bottiglia (+5,3% su aprile). Al quarto post c’è il Brunello di Montalcino Riserva Case Basse Giacomo Soldera, a 775 euro a bottiglia (+17% rispetto ad un anno fa), seguito dal Masseto, appena un euro più economico, a 774 euro a bottiglia, ossia il 13,3 % in più di un anno fa, e un prezzo medio cresciuto del 34% negli ultimi cinque anni. Al secondo post, il Barolo Piè Franco di Cappellan, passato dai 531 euro di aprile ai 630 euro di oggi (+18,6%), seguito al settimo posto dal Refosco Colli Orientali del Friuli “Calvari” di Miani, a 603 euro a bottiglia (+3,6%). In ottava posizione, il Toscana Igt Case Basse di Gianfranco Soldera, a 587 euro a bottiglia, seguito dal Barolo Riserva Monprivato Cà d’Mossirio di Mascarello Giuseppe e Figlio, a 584 euro (+6,2% sul orezzo medio di aprile) e, a chiudere la top ten, il Barolo “Le Rocche di Castiglione Falletto” di Bruno Giacosa, a 570 euro (+15,2%).

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Pubblicato su