02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Repubblica - Firenze

Business vino crescerà 4,2% anno fino 2027: in Cina +7,4% shanghai (Italpress)… Il mondo che verrà dopo una pandemia che si fatica a superare e gestire, resta un’incognita, sotto molti aspetti. Una delle poche certezze, però sembra essere che il mercato del vino crescerà in valore, anche se è ovviamente un azzardo capire di quanto, soprattutto nel medio termine. E così, se secondo un report di Grand View Research, il settore crescerà ad un ritmo del 6,4% annuo già a partire da questo 2021, per toccare i 685 miliardi di dollari nel 2028, è più bassa ma comunque positiva la stima del “Wine - Global Market Trajectory & Analytic” della società americana Global Industry Analyst, ripresa da WineNews. Secondo la quale il giro d’affari del vino, stimato intorno ai 326 miliardi di dollari nel 2020, arriverà a 434 entro il 2027, con una crescita aggregata del +4,2% all’anno. Una differenza importante nei valori finale, ma con un trend di crescita che viene confermato, e che secondo lo studio di Global Industry Analysts, vedrà i vini fermi crescere del 4,2% all’anno, e gli spumanti del 4,8%. E, forse, ci sarà anche una riscossa dei vini dolci, che secondo molti non stanno vivendo un periodo brillante, ma che secondo il report, invece, vedranno crescere il proprio giro d’affari del 3,3%. A fare la parte del leone, secondo il report, sarà la Cina, che, con un +7,4% all’anno nel periodo in esame, dovrebbe toccare un valore di 93,5 miliardi di dollari nel 2027, più di quando valga oggi il mercato Usa, stimato (nel 2020) intorno agli 88 miliardi di dollari. E se tra i Paesi lontani più interessanti si segnalano il Canada ed il Giappone, con una previsione di crescita del +1,3% annuo in entrambi i casi, è interessante il +2,2% stimato per la Germania, già oggi uno dei mercati del vino più grandi del mondo.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Pubblicato su