02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La stagione del tartufo bianco è ancora molto avara, ma la richiesta del pregiato tubero italiano resta altissima tanto quanto la sua qualità, con i prezzi ormai alle stelle: 6.000 euro al kg, secondo un report di WineNews, da Alba alle Crete Senesi

Non Solo Vino

Sodi, sani e profumati, non grandi nelle pezzature, ma di ottima qualità, la stagione di raccolta dei pregiati tartufi bianchi italiani è nel vivo ed è ancora lunga, ma difficilmente i temporali, pochi e irregolari, più le notti umide e fresche, forse, potranno cambiare le sorti di un’annata non facile, che va ancor più migliorando nel gusto ma che rimane molto avara nella quantità. La richiesta resta invece altissima, dai gourmet ai ristoratori, facendo schizzare i prezzi alle stelle: secondo un report di WineNews, uno dei siti più cliccati dagli amanti del buon bere, in pochi giorni si è passati dai 4.500 euro/kg con cui si è aperta la “Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba” n. 87 (fino al 26 novembre; www.fieradeltartufo.org) agli attuali 6.000 euro/kg registrati dal borsino del Centro Nazionale Studi Tartufo (www.tuber.it), e per le pezzature più pregiate alla “Mostra Mercato del Tartufo Bianco delle Crete Senesi” n. 32, che si è aperta a San Giovanni d’Asso - ora compreso nel territorio del Brunello di Montalcino nella Val d’Orcia Patrimonio Unesco - e che proseguirà fino al 19 novembre (www.mostradeltartufobianco.it).

Anche nell’altra patria del bianco in Toscana, a San Miniato, la stagione è nel vivo, ma si trovano pochi tartufi, e di conseguenza i prezzi sono saliti oltre i 3.000 euro al kg, più abbordabili ma più che triplicati dall’inizio della raccolta, sottolinea a WineNews l’Associazione Tartufai delle Colline Sanminiatesi, protagonista della “Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco di San Miniato” n. 47, di scena fino al 26 novembre (www.sanminiatopromozione.it). Tra i territori più vocati d’Italia, si sono invece chiuse le mostre mercato, ma non la raccolta, in Umbria, nelle Marche e in Molise: alla “Mostra Mercato Nazionale” di Città di Castello (www.iltartufobianco.it) si sono registrati prezzi, a seconda delle pezzature, dai 2.500 fino ai 5.000 euro al kg, mentre ad Acqualagna alla “Fiera nazionale del Tartufo Bianco d’Acqualagna” (www.acqualagna.com) la corsa ad accaparrarseli ha fatto salire i prezzi a 6.000 euro/kg, cifre mai viste da quelle parti, ma in linea con la media nazionale; più “convenienti” per le tasche degli appassionati, infine, i 4.500-5.500 euro al kg registrati alla “Fiera del Tartufo Bianco di San Pietro Avellana” (www.comune.sanpietroavellana.is.it), per il prodotto più pregiato della tavola italiana.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli