02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Stampa

Tre donne alla guida del Consorzio … Un vertice in rosa per il Bolgheri... Altro che quote rosa: alla guida del Consorzio per la tutela dei vini Bolgheri, una delle denominazioni più note e apprezzate al mondo, è arrivato un tris di donne. E che donne: la neopresidente Albiera Antinori di Guado al Tasso è l’erede della più antica dinastia del vino italiano; le vicepresidenti sono Priscilla Incisa della Rocchetta, nipote dell'inventore del mito Sassicaia, e Cinzia Merli, titolare della blasonata etichetta Le Macchiole. “Dietro di loro - fa notare il sito Winenews - una storia fatta di pionierismo e libertà enologica, incardinata su tre grandi vitigni internazionali, Merlot, Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc, capaci di esprimere territorialità e tipicità”. Davanti, un racconto ancora tutto da scrivere, fatto di continua ricerca nella qualità, nel vino come nell’accoglienza. “È con grande onore e particolare piacere che raccolgo la carica di presidente di una denominazione così importante e innovativa - dice Albiera Antinori - Una realtà sempre più riconosciuta sia a livello nazionale che internazionale, come testimonia la presenza all’interno delle carte dei vini più prestigiose del mondo”. In pochi anni, la denominazione è passata da 7 a 56 produttori e da 190 a 1.370 ettari vitati. Le vendite nel 2018 sono cresciute del 16%, i prezzi dell’11%. “Il futuro dovrà essere improntato sulla continuità, con particolare attenzione alla qualità diffusa della Doc Bolgheri, perché sia sempre rappresentata al meglio delle sue tipicità e delle sue potenzialità”. I produttori bolgheresi hanno anche approvato una significativa modifica al disciplinare del Bolgheri Bianco, tipologia che finora non è stata utilizzata appieno. Seguendo l’esempio del Bolgheri Rosso, sono state individuate tre varietà cardinali su cui impostare questa tipologia: Vermentino, Sauvignon Blanc e Viognier, che potranno essere impiegate fino al 100%.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli