02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
MANOVRA 2021

Legge di Bilancio 2021, arrivano 400 milioni di euro per l’agroalimentare italiano

Previste misure per il settore del vino (15 milioni) e risorse ad agricoltura, pesca, zootecnia e apicoltura. Sgravi fiscali per giovani imprenditori
AGRICOLTURA, L'ABBATE, LEGGE DI BILANCIO, POLITICHE AGRICOLE, vino, Non Solo Vino
Legge di Bilancio 2021 domani in Parlamento, 400 milioni di euro per l’agroalimentare italiano

Dagli interventi per il comparto vitivinicolo per lo stoccaggio privato di vini Doc, Docg e Igt al credito d’imposta per chi aderisce alle Strade del Vino, dal finanziamento al fondo per persone indigenti a quelli per il sostegno di agricoltura, pesca, acquacoltura, zootecnia e apicoltura, dall’esonero dei contributi per le nuove imprese gestite da under 40 all’esenzione Irpef per redditi dominicali e agrari, fino alle risorse per le aziende colpite da avversità atmosferiche e fitosanitarie e all’iniziativa per monitorare le produzioni cerealicole del territorio nazionale: sono le misure per il comparto primario italiano contenute nella Legge di Bilancio 2021, in fase di discussione, con il testo che sarà in aula domani, che stanzia somme per quasi 400 milioni di euro da spendere per rilanciare l’agroalimentare Made in Italy.

Confermati l’esonero contributivo biennale per le nuove imprese agricole di giovani under 40 (8,3 milioni di euro), l’esenzione Irpef per redditi dominicali e agrari e le assunzioni al Ministero delle Politiche Agricole e ad Agea, a cui vengono stanziati ulteriori 10 milioni per il miglioramento delle funzioni. Interventi anche per il comparto vitivinicolo con 10 milioni di euro per lo stoccaggio privato di vini Doc, Docg e Igt e 5 milioni di euro come credito di imposta per chi aderisce alle Strade del Vino per la realizzazione di infrastrutture informatiche per il commercio elettronico.

Il Fondo per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura viene sostenuto con 150 milioni di euro mentre 40 milioni sono destinati al Fondo per la distribuzione di derrate alimentari alle persone indigenti. Per l’indennità onnicomprensiva per i lavoratori della pesca marittima per il fermo volontario e obbligatorio sono stanziati 12 milioni di euro a cui si aggiungono altri 31,1 milioni di euro per il sostegno al reddito dei lavoratori della pesca marittima, delle acque interne e lagunari decisi in sede parlamentare.

Le altre novità che giungono da Montecitorio riguardano 70 milioni di euro per le aziende agricole danneggiate da avversità atmosferiche e fitosanitarie, 10 milioni di euro per il fondo per la tutela e il rilancio della filiera apistica, brassicola, della canapa e della frutta a guscio, 10 milioni di euro per il fondo suinicolo per contributi destinati alla realizzazione di progetti finalizzati a migliorare la misurabilità e l’accrescimento delle condizioni di sostenibilità nelle aziende zootecniche, di produzione e trasformazione della carne, 20 milioni di euro per la rideterminazione delle percentuali di compensazione Iva relativa alle cessioni di animali vivi, bovini e suini, e l’Iva al 10% per piatti pronti e pasti cotti.

Con un milione di euro nasce “Granaio Italia” che ha lo scopo di monitorare le produzioni cerealicole sul territorio nazionale come già accade con olio e vino. Infine troviamo 1,5 milioni di euro per sostenere le spese degli atti di trasferimento di terreni e pertinenze sotto i 5.000 euro per la ricomposizione fondiaria e 6,5 milioni di euro dedicati al rafforzamento del Mipaaf, sia per il piano di stabilizzazione precari del Crea che per indennità degli ispettori dell’Icqrf.

“Ringrazio i parlamentari che, con i loro emendamenti, hanno perfezionato le proposte ministeriali - dichiara il sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe L’Abbate - ora è compito del Mipaaf predisporre, nel più breve tempo possibile, quei decreti attuativi necessari per sostenere gli investimenti delle imprese agricole, alimentari e della pesca affinché si possano rilanciare soprattutto i settori che maggiormente hanno patito le conseguenze delle restrizioni per fronteggiare la pandemia Covid-19. Sarà fondamentale concentrarsi su finanziamenti in grado di creare valore aggiunto per le nostre imprese, attraverso l’innovazione e l’ammodernamento, e non solo su misure ristorative di breve periodo. In definitiva, per il comparto primario, la Legge di Bilancio 2021 stanzia ulteriori somme per quasi 400 milioni di euro che dovremo spendere in maniera ottimale per programmare il rilancio dell’agroalimentare made in Italy”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli