02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Libero

Good news from Uk: per la prima volta i vini italiani superano i francesi nelle carte dei vini ... L’analisi di Wine Business Solution, resa nota in Italia dal sito Winenews.it, sulle liste di ristoranti e wine bar inglesi. Italia al top grazie a prezzi più competitivi e varietà d’offerta... Se è vero che, da sempre, il mercato Uk è un trend setter in molti settori, vino compreso, per il vino italiano arriva una buona notizia: secondo un’analisi di Wine Business Solution, resa nota in Italia dal sito Winenews.it, per la prima volta le etichette del Belpaese hanno superato quelle francesi nella diffusione nelle carte dei vini di ristoranti e wine bar del Regno Unito (terzo mercato in valore e volume per i vini italiani, ndr). Effetto congiunto della crescita dell’Italia, i cui vini pesano per il 26% sulle liste dei locali inglesi (+2% sul 2018) e della diminuzione dei francesi, passati al 24% (-29% sul 2018). Merito del più vantaggioso rapporto tra qualità e prezzo riconosciuto ai vini italiani, in parte, ma anche ad un’effettiva e crescente curiosità, spiega lo studio, per i tanti vini diversi, che nascono dalle tante varietà autoctone o antiche del Belpaese, e dei tanti territori di cui sono espressione. Sul podio delle carte dei vini inglesi, dopo Italia e Francia, viene la Spagna (13%), con il vecchio mondo produttivo che, insieme, vale oltre il 60% del mercato, seguito nell’ordine da Cile, Australia, Argentina, Sudafrica, Usa e Portogallo, tutti sostanzialmente stabili sulle loro posizioni rispetto al 2018. Nell’analisi, riportata dal portale australiano “Wine Title”, emerge, però, che il prezzo spuntato dai vini italiani, è ancora al di sotto della media, ma anche che, in generale, i prezzi dei vini proposti stanno calando. In media, infatti, una bottiglia divino nella ristorazione Uk, oggi, costa 34,95 sterline (-11% sul 2018), mentre una di vino italiano spunta un prezzo di 31,7 sterline (+2%). Al top, per quotazioni, nonostante un calo del 12% sul 2018, c’è la Francia, con 48,15 sterline a bottiglia, davanti agli Usa, che seguono lo stesso trend, a quota 40,4 sterline. Di poco dietro agli italiani, i vini della Nuova Zelanda, a 31,6 sterline a bottiglia (-4%), seguiti da quelli made in Argentina, a 29,7 sterline (+7%). Stabile la Spagna, a 28,3 sterline a bottiglia, mentre l’Australia perde il 13%, a 27,9 sterline a bottiglia, davanti a Sudafrica (24,9 sterline, -10%) e Cile (21,8 sterline, -4%).

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su