02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
NOMINE

Matteo Lunelli alla guida di Fondazione Altagamma per il triennio 2020-2022

Il vice presidente per l’Alimentare sarà Giovanni Geddes de Filicaja, ceo del Gruppo Frescobaldi. In consiglio anche Maurizio Zanella e Carmen Moretti

“Il Made in Italy continua ad avere uno straordinario potere evocativo legato ai nostri territori, al nostro saper fare e al nostro stile di vita. Tuttavia, gli scenari macroeconomici richiederanno alle aziende Altagamma di saper intercettare un nuovo consumatore, che sarà sempre più asiatico, giovane, digitale e attento ai valori di cui la marca è ambasciatrice. Internazionalità, sostenibilità e contemporaneità sono dunque i tre pilastri strategici che ispireranno le nostre attività nei prossimi tre anni”. Ecco il manifesto di Matteo Lunelli, presidente della griffe del Trentodoc Cantine Ferrari e nuovo presidente di Fondazione Altagamma, che riunisce le 110 imprese dell’alta industria culturale e creativa italiana, per il triennio 2020-2022, che riceve il testimone da Andrea Illy, in corsa per la presidenza di Confindustria. E arrivano dal mondo del vino anche il vice presidente per l’Alimentare, Giovanni Geddes de Filicaja, ceo del Gruppo Frescobaldi e, tra i consiglieri, Maurizio Zanella, presidente della griffe del Franciacorta Ca’ del Bosco, e Carmen Moretti, ceo de L’Alberata e de L’Andana, i relais immersi tra i vigneti del Gruppo Terra Moretti.

Focus - I tre pilastri strategici di Fondazione Altagamma per il triennio 2020-2022
Internazionalità:
per supportare le strategie internazionali dei Soci, Altagamma consoliderà e amplierà il proprio network di relazioni nei principali mercati. Dopo Olanda e Cina, proseguirà il progetto degli Altagamma Club, che riunisce nei diversi Paesi i manager delle aziende associate, con l’obiettivo di identificare progetti congiunti e nuove opportunità di narrazione dello stile di vita italiano, in collaborazione con Ambasciate e Consolati. Sarà inoltre ampliata la rete degli Altagamma International Honorary Members, imprese e istituzioni che promuovono in varia forma il bello, buono e ben fatto del nostro Paese nel mondo. Infine, per attrarre turisti di fascia alta affinché si innamorino del nostro stile di vita, continuerà il progetto Altagamma Italian Experiences, itinerari ed esperienze che includono visite esclusive alle aziende socie.
Sostenibilità: in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile individuati dall’Onu (Sdg), per Altagamma la Corporate Social Responsibility è un elemento imprescindibile per le aziende di eccellenza, con un impatto economico e non solo reputazionale. Altagamma offrirà opportunità di scambio di best practice e affiancherà i Soci in programmi di trasformazione verso modelli di business sostenibili dal punto di vista sociale, ambientale e di governance.
Contemporaneità: la contemporaneità deve divenire un elemento intrinseco del Made in Italy tanto quanto la tradizione e l’identità culturale. La sfida del futuro sarà dunque la capacità di innovare e di intercettare le nuove generazioni, in particolare sfruttando i canali di comunicazione digitale. Altagamma sarà impegnata nell’analisi di questi fenomeni con ricerche e iniziative dedicate come l’organizzazione di un rinnovato Digital Day. Per indagare i futuri trend della creatività e approfondire le opportunità derivanti dai macro-cambiamenti in corso, prosegue anche il progetto Next Design Perspectives, che giunge alla terza edizione.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli