02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
PREMI

Medioevo, territori, signori, contadini: torna il “Laboratorio Internazionale di Storia Agraria”

A Montalcino prende il via l’appuntamento dedicato alle tradizioni contadine. Il 1 settembre la consegna del “Premio Città di Montalcino”
PREMIO CITTà DI MONTALCINO, Italia
Il 1 settembre in scena “Premio Città di Montalcino” n. 21

I territori e le campagne nel Medioevo, tra signori e contadini, sistemi alimentari in evoluzione, storia dell’agricoltura e della vite, casi di studio di comunità rurali delle diverse Regioni italiane, analizzate da importanti storici italiani, nei metodi e negli approcci, attraverso i secoli: sono i temi del “Laboratorio Internazionale di Storia Agraria” n. 21, il seminario di studi con esperti e studiosi accademici delle più importanti Università italiane e non solo, che torna a Montalcino, nella location del Palazzo Comunale, al via da oggi al 1 settembre, promosso dal “Centro di Studi per la Storia delle Campagne e del Lavoro Contadino”, presieduto da Massimo Montanari, tra i massimi studiosi al mondo di storia dell’alimentazione. Tre giorni di lezioni e incontri incentrati sulla valorizzazione e la riscoperta delle antiche radici contadine, che culmineranno, il 1 settembre, con la consegna del Premio “Città di Montalcino”, nelle due sezioni di “storiografia”, assegnato a Sandro Carocci, professore ordinario di Storia medievale all’Università di Roma 2 “Tor Vergata”, dove si occupa di storia economica e sociale dell’Italia tardo-medievale, con particolare riferimento a Roma, al Lazio e al Mezzogiorno d’Italia, e di “spettacolo”, alla Leggera Electric Folk Band, una formazione musicale unica nel suo genere in Toscana, che unisce il rock alla poesia della musica popolare.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli