02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
GUSTO SU MISURA

Nasce “Vinhood Academy”, percorso sensoriale di avvicinamento al mondo del vino per non vedenti

Vinhood e Uici Monza Brianza lanciano degustazioni online per i scoprire segreti del vino, gli abbinamenti e cosa si nasconde dietro una bottiglia
DEGUSTAZIONE, UNIONE ITALIANA CIECHI, vino, VINOHOOD, Italia
binary comment

Un percorso sensoriale di avvicinamento al mondo del vino per non vedenti, guidati da esperti enologi e sommelier in un viaggio esperienziale che attraversa gusto, tatto, ascolto e olfatto: è l’obiettivo dell’Academy, lanciata da Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Monza Brianza e Vinhood, che educa i consumatori al vino e non solo. Gli incontri saranno online, a partire dal 25 maggio, anche se sarà possibile seguire l’Academy pure in presenza, in Uic Monza Brianza. Ogni iscritto riceverà a casa una wine box contenente 6 bottiglie di vini bianchi, rossi, bollicine e passiti, oltre a spezie e biscotti finalizzati all’allenamento del palato.
“I partecipanti - spiega una nota - impareranno a degustare il vino secondo un approccio innovativo ed empatico basato sul divertimento e sul coinvolgimento, ad apprezzare cosa si nasconde dietro una bottiglia per capire da dove derivino certi profumi, come terreno e clima incidono sul gusto del vino, i diversi stili di produzione. E poi gli abbinamenti dei vini non solo ai piatti ma anche alle occasioni, scoprendo come conservare al meglio le bottiglie e quando queste presentino dei difetti”. Tra i partner coinvolti nel progetto, anche cantine come Marchesi di Barolo, Piccini 1882, Tasca d’Almerita, Feudo dei Principi di Spadafora e La Scolca”.
“È un’iniziativa significativa per accompagnare attraverso gusto, tatto, ascolto e olfatto le persone con disabilità visiva ad un percorso esperienziale e sensoriale per un avvicinamento al vino fatto in modo più consapevole - afferma Nicola Stilla, consigliere Uici - per noi può rappresentare l’inizio di un percorso non solo dedicato al vino”.
“Studiare insieme i sensi in maniera approfondita - aggiunge Matteo Parisi, Sales & Marketing Director Vinhood - ci ha portati a scoprire mondi diversi dai nostri, molte volte più difficili da affrontare nel quotidiano e molto lontani da noi. Conoscendo Uic abbiamo apprezzato l’operato di un’associazione che fa della comprensione dell’altro uno dei pilastri della propria mission: ci hanno arricchito e hanno arricchito il modo con cui noi costruiamo gli eventi e spieghiamo il vino (ma anche gli altri prodotti su cui lavoriamo: caffé, birra, pane ...). La vera ricchezza risiede nella diversità: pensiamo sia un concetto fondamentale da condividere e far crescere nelle aziende”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli