02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
EXPORT E ISTAT

Nel primo semestre 2019 le spedizioni di vino italiano al +3,1%: bene Veneto, Toscana e Piemonte

Giro d’affari sopra i 3 miliardi di euro, buoni segnali da Trentino-Alto Adige, Abruzzo e Friuli-Venezia Giulia, frenano Lombardia ed Emilia Romagna
EXPORT, ISTAT, REGIONI, vino, Italia
Le esportazioni di vino italiano nel primo semestre 2019, Regione per Regione

La crescita delle spedizioni di vino italiano verso i mercati esteri non si arresta, ma rallenta lievemente la propria corsa: nel primo semestre 2019, stando ai dati Istat, le esportazioni crescono infatti del +3,1% sullo stesso periodo del 2018 (nei primi 5 mesi si registrò, invece, un +5,5%, ndr), per un volume di affari complessivo che supera, di poco, i 3 miliardi di euro (contro i 2,9 miliardi di euro dello stesso periodo dello scorso anno), con andamenti assai diversi da Regione a Regione.
Ottimi segnali arrivano da Veneto, Toscana e Piemonte, che insieme rappresentano oltre i due terzi dell’intero export enoico del Belpaese, con una crescita, rispettivamente, del +3,6% (per un miliardo di euro di giro d’affari complessivo), del +4,3% (475 milioni di euro) e del +4,9% (479 milioni di euro). La crescita maggiore, almeno in termini percentuali, la mette a segno la piccola Valle d’Aosta (+48,8%) ma comunque a livelli assai bassi (1,2 milioni di euro), mentre il calo più vistoso è quello della Liguria, che lascia sul terreno il 39,1% e crolla a 8,9 milioni di euro di vino spedito.
Bene il Trentino-Alto Adige, stabilmente quarta regione più performante, con una quota export dell’8,6%, in crescita del 2,4% a 268 milioni di euro, crescono Abruzzo (+4,1% a 91 milioni di euro), Puglia (+2,5% a 76,8 milioni di euro) e Friuli-Venezia Giulia (+7,9% a 61,8 milioni di euro), mentre perdono qualcosa Lombardia (-0,7% a 139 milioni di euro), Emilia Romagna (-0,7% a 149 milioni di euro) e Sicilia (-0,1% a 71,8 milioni di euro).

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli