02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
COMUNICAZIONE

Pedro Pascal, l’ispettore Peña di “Narcos” è il nuovo volto di Casillero del Diablo

Lo storytelling è essenziale: l’attore, nato a Santiago del Cile e cresciuto in California, “Legendary Ambassador” del gigante del vino cileno
CASILLERO DEL DIABLO, LEGENDARY AMBASSADOR, PEDRO PASCAL, Mondo
Pedro Pascal per Casillero del Diablo

Lo storytelling, nella comunicazione del vino, è diventato ormai un elemento essenziale. Sapersi raccontare è prima di tutto un modo per rendersi unici e distinguersi, in un mercato fatto di decine di migliaia di player diversi. Tra cui veri e propri colossi, ormai abituati a costruire messaggi che vanno al di là del vino, come racconta la campagna di Dom Pérignon, che ha pescato, dal mondo della musica pop, Lady Gaga come “ambasciatrice” dello Champagne più iconico al mondo. Dalla musica al cinema, il passo è breve, ed è a Hollywood che Casillero del Diablo, il gruppo del vino cileno tra i primi al mondo per fatturato, ha trovato il volto giusto per la sua prossima campagna pubblicitaria e di comunicazione. È Pedro Pascal, l’ispettore Peña della fortunata serie Netflix “Narcos”, diventato “Legandary Ambassador” di Casillero del Diablo.
Attore sulla cresta dell’onda, Pascal è nato a pochi chilometri dalla Casillero del Diablo, a Santiago del Cile, nel 1975, città da cui la famiglia, fiera oppositrice della dittatura militare del Generale Augusto Pinochet, fuggì, per riparare prima in Danimarca, quindi in California, dove Pedro Pascal debutta, più di venti anni fa, sul piccolo schermo. Apparso in molte serie televisive tra cui “Buffy l’ammazzavampiri”, “The Good Wife”, “The Mentalist” e “Graceland”, il nuovo volto di Casillero del Diablo raggiunge la fama globale grazie al “Trono di Spade”, la mega produzione HBO amata da centinaia di milioni di spettatori nel ruolo, del principe Oberyn Martell.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli