02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO & SOLIDARIETÀ

Per fare un gioco, ci vuole una botte: adolescenti con difficoltà diventano artigiani per Tinazzi

Con Il progetto “Salva una botte crea un capolavoro” i ragazzi del Villaggio Educativo Salesiano di Villa Albarè recuperano le botti della cantina

Per fare un gioco, ci vuole una botte, ma anche per fare mobili, idee regalo e oggetti tra i più creativi, e da un pezzo di legno si può donare una possibilità a chi si trova in una situazione difficile. È l’idea di “Salva una botte, crea un capolavoro”, il progetto delle Cantine Tinazzi, con i ragazzi della Bottega Tettoia Pinardi, il laboratorio artigiano del Dab, Villaggio Educativo Salesiano di Villa Albarè a Costermano sul Garda, che promuove lo sviluppo personale e lavorativo degli adolescenti con difficoltà in un contesto sociale e in ambito famigliare e scolastico. Artigiani per un giorno, dal legno di recupero delle botti della cantina veneta che deve il suo nome ai recipienti simili a botti dove si metteva l’uva pigiata a fermentare secondo l’antica tradizione veronese, i ragazzi imparano un mestiere antico e nobile come quello del falegname producendo oggetti d’artigianato e piccole “opere d’arte” nella reciclofficina del Dab, in un percorso di crescita personale e accompagnamento professionale, sotto la guida di un falegname/educatore e di un’educatrice arte-terapeuta. Il risultato? Giochi in legno che stimolano l’intelligenza, come giochi matematici o inerenti alle leggi della statica e della geometria, oggettistica per eventi, e mobili ispirati al mondo agricolo e a quello enologico, come le lampade che rappresentano il tronco, la foglia e il grappolo della vite, gli sgabelli che riutilizzano le doghe di barrique, o il tavolino a otto gambe, che ha come base il coperchio di una grossa botte e nasce dall’idea di mostrare la parte interna delle doghe della botte, in modo da far risaltare il colore naturale che il vino ha lasciato nel legno nel corso degli anni.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli