02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

RISCHIO MALTEMPO PER IL TARTUFO ... POCO “BIANCO”, ED I PREZZI VERSO NUOVI RECORD. GIA’ RAGGIUNTI MASSIMI 2009 DI 2.000 EURO KG. LO DICE L’URAT (UNIONE REGIONALE ASSOCIAZIONI DEI TARTUFAI TOSCANI)

Non Solo Vino
Sua Maesta il tartufo

A causa del maltempo si trova sempre meno tartufo bianco e le quotazioni sono tornate a correre raggiungendo i massimi del 2009 di 2.000 euro al chilo.

“In pochi giorni, la stagione - osserva Moreno Moroni, presidente dell’Urat (Unione Regionale Associazione dei Tartufai Toscani) - che stava offrendo grandi soddisfazioni ai cercatori ha invertito la rotta e ora il bianco scarseggia. I prezzi sono tornati a sfiorare i 2.000 euro al chilo e ora speriamo che pioggia e freddo diano tregua perché la domanda è in crescita in vista del Natale e dei tanti mercatini locali, come quello che faremo ad Arezzo l’11 e 12 dicembre, dedicati al re della tavola della stagione”.

“Il Molise un po’ si salva perché ha un territorio scosceso che assorbe l’acqua e per questo da noi ancora si trova il tartufo bianco. Si salvano anche un po’ le Marche e la Calabria - osserva Ernesto di Iorio, l’esperto del tartufo che ha trovato la settimana passato il tartufo record della stagione di 920 grammi venduto a uno sceicco arabo.

Proprio il mercato arabo guarda ai tartufi italiani con grande interesse: “la domanda dagli Emirati Arabi - osserva Di Iorio - cresce in progressione del 20% annuo”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli