02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

SE LA TAVOLA DELLE FESTE E’ ALL’INSEGNA DELLO STAR BENE INSIEME: A “IL RISTORANTE”, IL PROGETTO DE “L’IPPOGRIFO”, A SETTIMO, IL CENONE DELLA VIGILIA ED IL PRANZO DI NATALE LO PREPARANO CUOCHI PROFESSIONISTI E PERSONE AFFETTE DA DISAGI PSICHICI

“Io mi sono trovato bene”. O più semplicemente: “Io sono stato bene”. Questo è il segreto che distingue un ristorante che si consiglia agli amici da un qualsiasi buon ristorante. Ed è proprio questo che la Cooperativa Sociale L’Ippogrifo spera che gli ospiti possano dire uscendo dal “Il Ristorante”, un posto dove sta bene non solo chi entra per mangiare, ma anche e soprattutto chi entra per lavorare. Qui, a Settimo Torinese (Torino) il 24 ed il 25 dicembre a preparare il Cenone della Vigilia ed il Pranzo di Natale, oltre ai professionisti del settore a cui è affidata la gestione di cucina e bar, saranno le persone affette da disagi psichici che qui lavorano tutto l’anno (info: www.ilristorantedisettimo.it).
A “Il Ristorante”, grazie a corsi di formazione, alle attività di cucina e sala bar organizzati appositamente per loro dalla Cooperativa “L’Ippogrifo”, in collaborazione con un ente formativo specializzato, la AslTo4 e il Centro per l’Impiego, le persone affette da disagi psichici possono apprendere un nuovo e più gratificante mestiere: quello della ristorazione.
E allora sono due gli appuntamenti importanti e da non perdere, come vuole la migliore tradizione natalizia: il Cenone della Vigilia, tutto a base di delicate e raffinate ricette di pesce, e il Pranzo di Natale, per il quale verranno serviti quattro antipasti assortiti, due primi, un secondo, questa volta a base di carne, un dessert e, come in ogni Natale che si rispetti, l’immancabile panettone. E ogni piatto sarà pensato e preparato con dedizione ed attenzione dallo chef Mirko Vieta e poi servito dallo staff speciale de “Il Ristorante”. E se il Natale è la festa della convivialità per eccellenza, questa sarà un’occasione per brindare con chi, in questo periodo dell’anno più che in altri, ha bisogno di sentirsi meno solo, diverso e lontano.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli