Slow Wine 2024
Allegrini 2024
AMBIENTE E SVILUPPO

Sostenibilità: arriva Crate, il primo vino senza etichetta. Tutte le info sono scritte nella capsula

Un packaging innovativo per ridurre inchiostro, carta e plastica. Un progetto dell’azienda australiana Fourth Wave Wines con l’agenzia Denomination

Difficile immaginare un packaging  più minimalista di quello di Crate, il vino australiano senza l’etichetta: progettato con l’obiettivo di ridurre al massimo il suo impatto ambientale - dunque senza carta, inchiostro e plastica -  racchiude tutte le informazioni nella capsula del tappo. Lo produce l’azienda Fourth Wave Wines, con sede in Australia, che ha studiato questa soluzione innovativa con Denomination, agenzia di grafica internazionale specializzata in sostenibilità, con clienti del calibro, tra gli altri, di Penfolds e Taylors.
La capsula di Crate contiene tutte le informazioni obbligatorie: il logo del marchio, la varietà dell’uva, la regione, l’annata, le diciture legali, il codice a barre e un QRcode per ulteriori informazioni. Il cartone di Crate è riciclato al 100% e reca la scritta: “Il nostro pianeta conta più del nostro imballaggio”. Il vetro arriva invece da bottiglie riciclate, e il prodotto può essere acquistato solo a casse, così da ridurre la sua impronta di carbonio. Inoltre, il vino viene prodotto con le uve provenienti da piccoli vignaioli, in una logica di sostenibilità anche sociale, con i proventi delle vendite che vengono reinvestiti nelle singole realtà produttive.
Secondo Rowena Curlewis, co-fondatrice Denomination, che ha sede ha Sidney, Londra e San Francisco, “oggi i designer hanno il compito di ripensare completamente a come funzionano gli imballaggi: occorre muoversi verso la loro riduzione al minimo, anche considerando l’energia necessaria per la stampa e la serigrafia”. Nicholas Crampton, comproprietario Fourth Wave Wines - che raggruppa un portfolio di marchi di vino di tutto il mondo (inclusa Francia, Spagna e Italia), caratterizzati da un alto livello di innovazione -  commenta che Crate “sta facendo luce sulle alternative agli imballaggi convenzionali che utilizzano etichette di carta, un bene sempre più prezioso”. L’obiettivo, in futuro sarà quello del refill delle bottiglie.
Secondo un rapporto GlobalData, la dimensione del mercato globale del vino nel 2021 era di 321,3 miliardi di dollari e si prevede che raggiungerà un tasso di crescita annuale di oltre il 6% durante il periodo 2021-2026. Pertanto, l’industria del vino è pronta per investire in imballaggi innovativi. Altri si stanno muovendo in questa direzione: per esempio, la catena inglese Waitrose ha annunciato di voler sostituire nel mercato Uk le mini bottiglie di vetro con lattine di alluminio. La transizione - che riguarda vini rossi, bianchi e rosati a base di Sauvignon Blanc, Chardonnay, Malbec e Pinot Grigio - consentirebbe un risparmio di più di 300 tonnellate di imballaggi in vetro e ridurrebbe del 50% l’impronta di carbonio di ogni bevanda.

Copyright © 2000/2024


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2024

Altri articoli