02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
A SAN FRANCISCO

Storia di famiglia, di vino e sostenibilità: Tasca d’Almerita al top ai “Wine Star Awards”

Alla storica cantina siciliana, tra le firme del rinascimento del vino di Sicilia e pioniera della sostenibilità, il premio di “Wine Enthusiast”

Un grande riconoscimento per una delle cantine leader della Sicilia, Tasca d’Almerita, e allo stesso tempo un grande spot per la viticoltura del “continente enoico” siciliano, ma dell’Italia tutta, grazie ad un’attenzione fortissima, e “ante litteram”, ad un tema che oggi va per la maggiore, come quello della sostenibilità. Così, sul vino siciliano ed italiano, si sono accesi i riflettori americani ai “Wine Star Awards” di “Wine Enthusiast” (la cui italian editor è Kerin O’Keefe), edizione n. 20 di uno dei premi più prestigiosi legati al vino, nella grande cena di gala andata in scena nei giorni scorsi a San Francisco, con il premio ricevuto da Alberto Tasca, che oggi guida la cantina di famiglia, tra le prime firme del rinascimento enoico della Sicilia. “L’impegno assunto dalla famiglia Tasca d’Almerita per la viticoltura sostenibile in Sicilia ha avuto un’influenza estremamente positiva sul vino, sull’ambiente e sulle altre cantine anche in tutta Italia, migliorando la qualità e diffondendo il messaggio di sostenibilità”, si legge nelle motivazioni del premio.

“La nostra agricoltura si è sempre basata su principi di sostenibilità. Fare il vino significa avere una grande fortuna e un’immensa responsabilità - spiega Alberto Tasca d’Almerita - alla terra, a tutti gli effetti un componente della nostra famiglia, affidiamo il compito di raccontare i valori profondamente radicati nella nostra storia; noi abbiamo la responsabilità di custodire un dono, la bellezza del paesaggio, non solo fisico, ma anche storico e culturale. Per noi produttori di vino a livello artigianale e familiare, è molto importante essere attenti e precisi nelle scelte agronomiche che determinano la salute del territorio in cui viviamo e lavoriamo. Così come è necessario misurare l’impatto di ogni azione che compiamo. L’obiettivo non è produrre vini sostenibili, ma produrre vini buoni ed eleganti in modo sostenibile”.


Per questa ragione Tasca d’Almerita ha aderito sin dal 2010 a SOStain, protocollo di sostenibilità per la viticoltura siciliana, certificato da un ente terzo indipendente, basato su dieci requisiti minimi di sostenibilità, misurabili e comparabili. Il principio alla base di SOStain è che l’influenza delle attività agricole va oltre i campi che si coltivano, perché riguarda anche il benessere dei lavoratori, la salute dei consumatori, la valorizzazione del territorio circostante e la conservazione delle risorse naturali.

“Quando abbiamo aderito a SOStain lo abbiamo fatto con la convinzione di iniziare un percorso di acquisizione di consapevolezza, perché volevamo sapere esattamente che effetto ha ogni azione che compiamo in vigna, in cantina e in generale in tutta l’organizzazione - continua Tasca - in questo senso, la misurazione costante, tramite rigorosi indicatori scientifici, del nostro livello di sostenibilità, ci permette quotidianamente di prendere le decisioni sulla base di dati oggettivi, che ci aiutano a evitare gli sprechi e ridurre i costi. È un lavoro lungo e faticoso, che deve toccare tutte le funzioni, perché tutti siano consapevoli di quello che stanno facendo e del loro impatto, a prescindere dal fatto che le pratiche agronomiche rispettino i protocolli dell’agricoltura organica, biodinamica, convenzionale o altro ancora. Praticare un’agricoltura sostenibile ci consente non soltanto di divenire custodi di questo patrimonio ma anche di lavorare costantemente insieme ad altri colleghi produttori, perché è solo attraverso le azioni corali che si generano i veri cambiamenti. Dedico questo premio a tutta la mia famiglia e alle donne e agli uomini che da generazioni collaborano con noi, con sapienza e amore”.

Un riconoscimento che è anche il premio ad una grande storia di vino e di famiglia. Dal 1830 la famiglia Tasca d’Almerita si prende cura di una grande “tenuta con vigne” nel cuore della Sicilia, nella Doc Contea di Sclafani: qui a Regaleali nel 1959 il conte Giuseppe Tasca d’Almerita piantò ad alberello, sulla collina San Lucio, Perricone e Nero d’Avola, investendo in un futuro che pochi siciliani riuscivano ad immaginare a quel tempo. Creò così le basi per il primo vino da vigna unica in Sicilia: Riserva del Conte, da tutti poi chiamato Rosso del Conte. Da lì, il figlio Lucio combatté i pregiudizi di una regione meravigliosa ma all’epoca enologicamente sofferente. Oggi, 190 anni dopo, quella storia è nelle mani di Alberto Tasca, vignaiolo con visione sul mondo che - affidandosi al valore delle persone – conduce un appassionato lavoro di squadra, scommettendo tutto sulla sostenibilità e sul grande potenziale qualitativo dei vini siciliani. Dal 2001 Alberto, ottava generazione della famiglia, ha intrapreso un percorso di valorizzazione dei territori particolarmente vocati alla viticultura. Così alla tenuta madre, Regaleali, negli anni si sono affiancate Capofaro nell’Isola di Salina, Tascante sull’Etna, la tenuta Whitaker nell’antica isola di Mozia e Sallier de La Tour nella Doc Monreale.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli