02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO & CULTURA

“Templi” del vino italiano, il Muvit di Torgiano e il WiMu di Barolo si uniscono per creare una rete

Lo storico Museo del Vino di Lungarotti in Umbria e il futuristico Wine Museum al Castello Falletti nelle Langhe, stringono un “Patto di amicizia”

Da una parte lo storico Muvit, il Museo del Vino di Torgiano creato da Giorgio e Maria Grazia Lungarotti nel lontano 1974 a Palazzo Graziani-Baglioni, il primo e pionieristico progetto in Italia di un Museo dedicato alla cultura e alla civiltà enoica che, con i suoi oltre 3.500 reperti che raccontano 5.000 anni di storia del vino, rappresenta il modello italiano per eccellenza per la qualità delle sue collezioni artistiche (eletto “il migliore in Italia” dal “The New York Times”, ndr); dall’altra il futuristico WiMu, il Wine Museum progettato al Castello Falletti a Barolo dall’occhio visionario dell’architetto svizzero François Confino, inaugurato nel 2010 per offrire ai visitatori un’esperienza multisensoriale e di immersione, in una lettura estremamente moderna del mondo del vino. Dai vigneti dell’Umbria a quelli delle Langhe, nel segno della cultura e della civiltà del vino che custodiscono e diffondono, i due “templi” dell’enoturismo italiano siglano un “Patto di Amicizia”, il 7 maggio a Barolo nella “Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell’Olio”, con l’obiettivo di stimolare la reciproca crescita culturale, sociale, turistica ed economica.
Sarà un Patto “tra Musei che si occupano di vino e siamo orgogliosi che questo accada con il Muvit di Torgiano - spiega il presidente della Barolo & Castles Foundation, Claudio Bogetti - siamo fiduciosi che questo nuovo legame porterà risultati importanti non solo per le nostre realtà museali, ma anche per i Comuni di Barolo e Torgiano con i rispettivi territori di riferimento, organizzando e promuovendo attività in sinergia che possano incentivare il turismo del vino in un ideale percorso che potrà unire il Piemonte e l’Umbria”. “Un Patto che nasce dalla volontà di creare una rete, un network tra musei del vino che rappresentano non solo un’area di produzione, ma soprattutto un’apertura sulla cultura e la civiltà della vite e del vino - sottolinea il vice direttore della Fondazione Lungarotti, Teresa Severini - nella nostra diversità di storia, allestimenti e modi di comunicare, siamo felici oggi di avviare questa reciproca collaborazione con Barolo e io spero che questo sia solo l’inizio di un percorso molto più ampio, che possa coinvolgere anche importanti realtà internazionali in una formula che dovremmo cercare di mettere a sistema. Stringere un’amicizia significa innanzitutto metterci l’uno al servizio dell’altro per promuovere e valorizzare la cultura del vino nella sua più ampia accezione, parlando anche di ambiente, paesaggio, enoturismo e di tutti i temi legati alla viticoltura”.
Il “gemellaggio” tra i due Musei italiani si svolgerà nella cerimonia di chiusura del decennale del WiMu, in collaborazione con la Fondazione CRC, le cui celebrazioni tra il 2020 e il 2021 sono state condizionate dalla pandemia, al Tempio dell’Enoturista e sarà accompagnato dalla tavola rotonda “I musei del vino e la promozione territoriale tra storia, cultura e innovazione” con gli interventi di Claudio Bogetti, presidente della Barolo & Castles Foundation, Alessandra Muratore, direttore del WiMu, Teresa Severini, vice direttore della Fondazione Lungarotti, e Gemma Zaganelli, storica dell’arte della Fondazione Lungarotti. Al dibattito, moderato da Tiziano Gaia, parteciperanno come ospiti anche Edoardo Accattino, curatore delle collezioni di Palazzo Barolo, Roberto Cerrato, direttore del Sito Unesco Paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, e Pietro Ratti del Museo Renato Ratti del Barolo e dei Vini a La Morra, con Francesco Cappello, vice presidente della Fondazione Crc e il sindaco di Barolo, Renata Bianco.

Focus - Muvit, il Museo del Vino di Torgiano
Inaugurato a Torgiano nel 1974, il Museo del Vino (Muvit) della Fondazione Lungarotti nasce per far dialogare vino e arti decorative. Si snoda lungo 20 sale situate all’interno del monumentale Palazzo Graziani-Baglioni, dimora estiva gentilizia del XVII secolo. In mostra, oltre 3.000 manufatti: reperti archeologici, attrezzi e corredi tecnici per la viticoltura e la vinificazione, contenitori vinari in ceramica di età medievale, rinascimentale, barocca e contemporanea, incisioni e disegni dal XV al XX secolo, da Mantegna a Picasso, ed altre testimonianze documentano l’importanza del vino nell’immaginario collettivo dei popoli che hanno abitato, nel corso dei millenni, il bacino del Mediterraneo e l’Europa continentale. Manufatti dal Muvit hanno rappresentato la storia del vino italiano all’Expo di Milano e all’Estero, da New York a Shanghai, Tokyo, Osaka, Kyoto, Mosca, Bordeaux.

Focus - WiMu, il Wine Museum di Barolo
Il Castello Falletti a Barolo, già di proprietà del marchese Carlo Tancredi e della moglie Juliette Colbert, ultima Marchesa Falletti, tra le prime figure a occuparsi di vino nell’Ottocento, inventando il Barolo, ospita dal 2010 il WiMu - Museo del Vino della Barolo & Castles Foundation, opera di François Confino, un viaggio attraverso i 5 piani del Castello che intreccia dimensioni scientifiche, sensoriali e poetiche. Il percorso di visita è strutturato come una discesa in profondità nella cultura del vino, per un racconto fatto di idee semplici e moderne, inserite in un’esperienza multisensoriale tra giochi di luce, illustrazioni e pannelli multimediali. Nelle pertinenze del Castello il WiMu ospita anche WiLa, la Wine Labels Collection: una straordinaria collezione personale di 282.000 pezzi donata dal professor Cesare Baroni Urbani di Sirolo e la moglie Maria al Comune di Barolo.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Altri articoli