02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
CLASSIFICHE INTERNAZIONALI

“Top 100” 2021 by Wine Spectator: Brunello e Barolo i più premiati, 23 le etichette italiane

Racconto sintetico di un’Italia del vino che, ancora una volta, si conferma capace di esprimere eccellenza nella diversità di territori e di vitigni
ITALIA, TOP 100, vino, WINE SPECTATOR, Mondo
Simonetta Valiani Biondi Santi e Nicolò Magnelli alla guida de Le Chiuse, a Montalcino

Brunello di Montalcino e Barolo su tutti (con 3 etichette a testa), alfieri di un Piemonte eccellente anche con Barbera d'Alba e Barbaresco e di una Toscana al Top anche con Chianti Classico e Nobile di Montepulciano, per un giro d’Italia in bottiglia, però, che premia anche la Sardegna del Cannonau, l’Alto Adige del Pinot Grigio, il Veneto dell’Amarone della Valpolicella e del Custoza, il Friuli con i suoi Colli Orientali, la Sicilia di Etna e Nero d’Avola, la Campania del Taurasi e del Fiano di Avellino, e le bollicine del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg e della Franciacorta: è il Belpaese d’eccellenza, raccontato dalla “Top 100” 2021 by “Wine Spectator”, la più influente classifica enoica firmata dalla più diffusa rivista americana, che, in questa edizione, conta ben 23 etichette italiane sulle 100 selezionate da tutto il mondo (erano 19 nel 2020).
Al Brunello di Montalcino 2016 Le Chiuse al n. 5, ed al Barolo Bricco Boschis 2016 Cavallotto, al n. 8. (vino n. 1 in assoluto il Napa Valley 2018 di Dominus Estate), l’Italia è ancora in classifica al n. 12, con il Brunello di Montalcino 2016 di Poggio Landi, con il Barbaresco Casot 2017 di Giuseppe Nada al n. 15, e ancora con il Brunello di Montalcino 2016 di Talenti, al n. 17. Posizione n. 20 per il Chianti Classico 2018 di Badia a Coltibuono, seguito da un altro toscano, il Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2016 di Salcheto al n. 26, prima di un terzetto tutto piemontese: il Barbaresco 2016 di Cantina del Pino al n. 30, a Barbera d’Alba 2019 di Pio Cesare al n. 38, ed il Barolo 2016 di Mauro Molino al n. 44. Si vola in Sardegna alla posizione n. 44, con il Cannonau di Sardegna Riserva 2018 delle Tenute Sella & Mosca (Terra Moretti), mentre al n. 46 c’è ancora il Gallo Nero con il Chianti Classico San Marcellino Gran Selezione 2016 di Rocca di Montegrossi.
Ad aprire la seconda metà della classifica, al n. 51, invece, c’è il Pinot Grigio Vigneti delle Dolomiti Terra Alpina 2019 di Alois Lageder, davanti all’Amarone della Valpolicella Marne 180 2017 di Tedeschi al n. 56, e al Custoza Superiore Cà del Magro 2019 di Monte del Frà al n. 59. Dopo due grandi territori del Veneto, si torna in Piemonte con il Barolo Monvigliero 2016 di G.B. Burlotto al n. 63, e poi si va verso Est, con il Friulano Friuli Colli Orientali Vini Orsone 2018 di Bastianich al n. 67. La chiusura è tutta tra meridione e bollicine: al n. 71 il Nero d’Avola Sicilia Lagnusa 2017 di Feudo Montoni, al n. 75 il Taurasi Vigna Cinque Querce 2013 di Salvatore Molettieri, mentre al n. 82 c’è l’Extra Dry Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore RDO Rive di Ogliano 2019 di Masottina, al n. 90 l’Etna Rosso 2018 di Graci, al n. 93 un classico come il Brut Rosé Franciacorta ’61 NV di Guido Berlucchi, e al n. 95 il Fiano di Avellino 2019 di Colli di Lapio.
Racconto sintetico di un’Italia che, ancora una volta, si conferma capace di esprimere eccellenza nella diversità, in tanti territori, e tanto con vitigni autoctoni e storici che con varietà internazionali.
Riassunto di una classifica, la “Top 100” di “Wine Spectator”, che mette in fila i migliori vini assaggiati nell’anno dalla redazione del magazine, tenendo in considerazione quello che la stessa “Wine Spectator” chiama “fattore X”, capace di generare interesse ed entusiasmo intorno ad un vino, oltre, ovviamente, alla qualità (basata sul punteggio), al valore (basato sul prezzo) e alla disponibilità (basata sul numero di casse prodotte o importate negli Stati Uniti).

Focus - Tutti i vini italiani nella “Top 100” 2021 by “Wine Spectator”
5 - Le Chiuse Brunello di Montalcino 2016
8 - Cavallotto Barolo Bricco Boschis 2016
12 - Poggio Landi Brunello di Montalcino 2016
15 - Giuseppe Nada Barbaresco Casot 2017
17 - Talenti Brunello di Montalcino 2016
20 - Badia a Coltibuono Chianti Classico 2018
26 - Salcheto Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2016
30 - Cantina del Pino Barbaresco 2016
38 - Pio Cesare Barbera d’Alba 2019
40 - Mauro Molino Barolo 2016
44 - Tenute Sella & Mosca Cannonau di Sardegna Riserva 2018
46 - Rocca di Montegrossi Chianti Classico San Marcellino Gran Selezione 2016
51 - Alois Lageder Pinot Grigio Vigneti delle Dolomiti Terra Alpina 2019
56 - Tedeschi Amarone della Valpolicella Marne 180 2017
59 - Monte del Frà Custoza Superiore Cà del Magro 2019
63 - G.B. Burlotto Barolo Monvigliero 2016
67 - Bastianich Friulano Friuli Colli Orientali Vini Orsone 2018
71 - Feudo Montoni Nero d’Avola Sicilia Lagnusa 2017
75 - Salvatore Molettieri Taurasi Vigna Cinque Querce 2013
82 - Masottina Extra Dry Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore RDO Rive di Ogliano 2019
90 - Graci Etna 2018
93 - Guido Berlucchi Brut Rosé Franciacorta ’61 NV
95 - Colli di Lapio Fiano di Avellino 2019

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli